Dai buoni regalo alla raccolta fondi: i nuovi "tool" Facebook per le Pmi - CorCom

RIPARTENZA

Dai buoni regalo alla raccolta fondi: i nuovi “tool” Facebook per le Pmi

Numerose le funzionalità attivate sui social della galassia Zuckerberg per spingere la visibilità delle aziende più “piccole” e contribuire alla ripresa post-Covid19. Ecco tutte le iniziative

12 Mag 2020

Antonio Dini

Per reagire all’emergenza della pandemia provocata dal coronavirus Facebook presenta una serie di strumenti di supporto per le Pmi italiane. L’obiettivo è sostenere gli imprenditori, le comunità e soprattutto l’economia in una fase in cui molti negozi sono ancora chiusi e i social network possono rappresentare una vetrina alternativa e complementare.

Fra le novità appena annunciate la possibilità di acquisto di buoni regalo o gift card, ordinare cibo su Instagram, avviare raccolte fondi, nonché sticker e hashtag per Instagram e Facebook “Compra a Km 0” e la creazione di uno spazio unico per consultare gli ultimi post pubblicati dalle aziende.

Buoni Regalo per spingere la ripresa
Gli utenti italiani di Facebook hanno la possibilità di comprare dei buoni regali per ristoranti, palestre, saloni di fitness, saloni di bellezza, librerie, panetterie e altro ancora. Questo serve, secondo Facebook, non solo per dare liquidità alle piccole aziende in difficoltà, ma anche per consentire alle persone di sostenere le proprie attività preferite. L’attivazione delle gift card avviene nello spazio “Supporta le imprese locali” dove si trovano i buoni regali dei commercianti che partecipano all’iniziativa.

Ordinare cibo su Instagram, l’e-commerce social
Instagram ha attivato la funzione per ordinare da mangiare a domicilio tramite il pulsante “Ordina cibo” nei profili dei ristoranti, oppure direttamente nelle storie. Per finalizzare l’acquisto l’utente viene reindirizzato ai siti di aziende come Deliveroo e UberEats in Italia, che si occupano di pagamenti e consegne.

Raccolta fondi per le Pmi in difficoltà
Lo strumento “Raccolta di fondi personale” è stato potenziato e adesso, secondo Facebook, consente anche ai business di avviare attività di fundraising sul social di Mark Zuckerberg, condivisibile anche via Instagram. L’obiettivo di questo strumento è chiedere il supporto dei clienti durante il periodo di crisi provocata dal coronavirus. Lo strumento è a disposizione delle imprese locali.

WHITEPAPER
Costruire agilità in modo rapido per la tua azienda: 5 passi essenziali
Digital Transformation
Storage

Sticker e hashtag “Km 0”
Facebook ha introdotto uno sticker per Instagram e un hashtag che consente di mostrare il supporto alle imprese locali. “Compra a Km 0” e #CompraKm0 consentono di personalizzare le storie su Instagram e i post su Facebook. Le aziende possono ripubblicare il contenuto delle storie Instagram o inviare un messaggio alle persone che le taggano.

Una vetrina online per le aziende del territorio
Dove comprare i beni e i servizi? Come fare, da parte delle aziende, per tenere informati i propri clienti sulle ultime iniziative? Facebook ha creato uno spazio per consultare gli ultimi post pubblicati dalle aziende più rilevanti per gli utenti. Con un messaggio che compare in cima al NewsFeed le persone troveranno una raccolta di post delle aziende locali, e potranno iscriversi per ricevere notifiche settimanali.

Risorse in-app per le aziende
Le aziende potranno trovare, sia nella app di Facebook che in quella di Instagram, tutto ciò di cui necessitano per le attività di business sui social e per visualizzare le migliori buone prassi di utilizzo dei social da parte di altre imprese. In pratica, un piccolo business center unificato per le piccole imprese con risorse che, nelle intenzioni di Facebook, devono aiutare le piccole imprese ad adottare più rapidamente le misure necessarie a sostenere le loro attività.

“Il negozio vicino”
Facebook sta supportando anche l’iniziativa “Il negozio vicino” promosso dal Gruppo Giovani di Confcommercio-Imprese per l’Italia. La piattaforma consente di mettere in evidenza tutti i piccoli esercizi di vicinato e la loro offerta a seconda della tipologia.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4