Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

FORMAZIONE

Dai social alla cybersecurity: nascono a Torino i reporter alla Sherlock Holmes

I due corsi promossi dall’Associazione di Giornalismo Investigativo (Agi) offrono insegnamenti mirati sull’utilizzo di Facebook & Co. e sulla gestione hi-tech di informazioni sensibili. Appuntamento per il 21 e il 24 novembre all’Envipark

09 Nov 2016

An.F.

Stanno per iniziare i prossimi corsi di investigazione digitale promossi dall’Associazione di Giornalismo Investigativo (Agi). Si svolgeranno all’Envipark di Torino, dal 21 al 24 novembre, e saranno tenuti dagli esperti dell’Associazione presieduta dal professor Leonida Reitano, specializzato in tecniche investigative basate sulle fonti aperte su Internet. Da tempo l’Agi contribuisce al dibattito sulle caratteristiche e sugli strumenti intellettuali e documentari necessari al giornalismo d’inchiesta ed è diventata la principale erogatrice in Italia di opportunità formative nell’ambito del giornalismo investigativo. Oltre al Master in giornalismo e analisi delle fonti documentarie, l’Agi propone anche dei singoli moduli formativi.

A Torino, in collaborazione con Green Sistemi, si svolgerà appunto il corso di “Social Media Intelligence”, che mira a fornire gli strumenti per l’analisi approfondita di qualsiasi profilo Facebook, nonché di tutte le relazioni, interessi e attività dei soggetti investigati, per geolocalizzare in maniera diretta e indiretta gli utenti Twitter e Facebook, analizzare le correlazioni tra individui e aziende o organizzazioni complesse, verificare contenuti e informazioni presenti sui social network e per condurre estese ricerche sui principali social network.

Sempre nel capoluogo piemontese andrà in scena il corso di “Holistic Counterintelligence” ha, invece, lo scopo di fornire una vasta panoramica sulle tecnologie e le apparecchiature per la counterintelligence informatica e ambientale, offrendo una difesa “olistica” alle minacce possibili. Il concetto di “difesa olistica” passa attraverso un approccio integrato e sinergico di tecniche di sicurezza dei dati e di bonifica ambientale da microspie e segnalatori di ogni tipo attraverso un sistema di tecniche e di protocolli operativi che spiegano quali sono le dinamiche corrette da adottare nella gestione di informazioni delicate.

Il corso di “Social Media Intelligence” ha un costo di 250 euro è occuperà solo la giornata del 21 novembre. Più impegnativo, invece, il corsi di “Holistic Counterintelligence”, sia in termini di costi che di frequenza: 700 euro per tre giornate intere dal 22 al 24 novembre. I materiali didattici, inclusi dei video didattici, saranno messi a disposizione attraverso una piattaforma di e-learning.

Articolo 1 di 3