Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

LA NOMINA

Dall’Ict all’immobiliare: Tommaso Pompei a capo di Fire

Dopo la lunga carriera nell’Ict, fra Olivetti, Wind e Tiscali, una nuova sfida attende il manager: dovrà gestire la delicata fase di ristrutturazione del gruppo

06 Lug 2012

Giampiero Rossi

Dall’Ict al settore immobiliare. E’ la parabola di Tommaso Pompei che entra nel consiglio di amministrazione del Gruppo immobiliare Fire come amministratore delegato. Il manager avrà deleghe e pieni poteri per gestire, si legge in una nota di Fire, “la fase di ristrutturazione del Gruppo”.
“Fire, uno dei più grandi gruppi immobiliari italiani – si sottolinea – alle prese con la difficile situazione generalizzata del settore, presenta un indebitamento elevato e una situazione finanziaria critica; il patrimonio netto risulta positivo, come certificato dagli ultimi due bilanci”.

“L’ingresso di Tommaso Pompei, uno dei manager più stimati della comunità finanziaria italiana, consentirà -continua la nota- la predisposizione di un piano di ristrutturazione in grado di contemperare gli interessi del sistema dei creditori (banche, fisco, fornitori), quelli del Gruppo (attività, personale) e quelli degli azionisti. Pompei, una lunga carriera nell’industria aerea e nell’Ict (Alitalia, Omnitel, Olivetti, Enel, Wind, Tiscali) alla guida di grandi aziende, non è nuovo a importanti operazioni di sistema, avendo gestito sia le fasi di ristrutturazione che di bilancio delle aziende gestite”.