Dalla Smart city alla Safe city: il remote control pilastro della città “intelligente” - CorCom

L'EVENTO

Dalla Smart city alla Safe city: il remote control pilastro della città “intelligente”

A Roma il 3 dicembre il convegno annuale Prysmian-Iatt accende i riflettori sulla sfida della sicurezza, prioritaria nell’ambito della progettazione di infrastrutture e servizi. A dibattito istituzioni, PA e aziende

08 Nov 2019

Dalla Smart city alla Safe city. Alias la città “costruita” sul pilastro dell’innovazione tecnologica ma soprattutto progettata strategicamente per affrontare sfide inedite e cruciali. Sfide che sono già in corso e per questa ragione diventa sempre più urgente il passaggio all’execution.

È la sicurezza la questione numero uno: sicurezza di reti e infrastrutture, di edifici e cittadini. Ed è proprio sulla “città sicura” che accende i riflettori il convegno annuale Prysmian Group-Iatt in programma il prossimo 3 dicembre a Roma (per iscriversi cliccare qui).

In campo i rappresentanti delle istituzioni e delle PA e i protagonisti del mondo telco e infrastrutture, riuniti per fare il punto sull’evoluzione delle smart city in chiave tecnologica e strategica. Fra le presenze confermate: Ance, Anci, Ceit, Comune di Firenze, Ericsson Italia, Infratel, Italtel, Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, MM, Nokia Italy, Rfi. Tim, Università degli studi de L’Aquila, Vodafone.

Safe city: le priorità del remot control” il titolo dell’evento che mira a evidenziare l’importanza cruciale del monitoraggio e dell’asset management, attività considerate fino a qualche tempo fa “accessorie” ma che stanno velocemente scalando la classifica delle priorità nell’ambito urbano, chiamando in particolare le pubbliche amministrazioni a potenziare gli investimenti e a mettere a punto iniziative e progetti ad hoc per non trovarsi in situazioni di criticità che possono diventare anche gravi. È questa la vera “fibra” di cui ha bisogno l’Italia.

WEBINAR
La ricetta Blue Ocean dello chef stellato Davide Oldani per differenziarsi dai competitor
CIO
Digital Transformation

Determinante il ruolo delle nuove tecnologie per la gestione del rischio sismico e per la messa a punto di tutta una serie di attività che possono aiutare a individuare preventivamente casi-limite. E anche per questa ragione l’evento dedicherà uno spazio al monitoraggio strutturale della città abruzzese de L’Aquila, duramente colpita dal sisma del 2009. Secondo dati Ref Ricerche tra il 2013 e il 2019 sono stati dichiarati in Italia 87 casi di “stato d’emergenza” per calamità climatiche come siccità, alluvioni o frane, con danni pari a 9,4 miliardi di euro.

@RIPRODUZIONE RISERVATA