Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

AUTHORITY

Data economy, Martusciello: “Più regole su privacy e concorrenza”

Mercati online e search, il Commissario Agcom: “Servono ulteriori obblighi di trasparenza sui rapporti commerciali intrattenuti dalle piattaforme”

12 Mar 2019

L. O.

La corsa all’innovazione non deve rischiare di mandare in soffitta l’attuale sistema di regole. Ma le norme devono essere “reinterpretate” alla luce dei nuovi scenari. E’ l’appello che lancia il commissario Agcom Antonio Martusciello analizzando i nuovi mercati dei dati di fronte alle esigenze di protezione privacy, antitrust e tutela dei consumatori.

I dati sono una risorsa essenziale per la crescita economica, la competitività, l’innovazione, la creazione di posti di lavoro e il progresso della società in generale – ha detto il commissario intervenendo al convegno “Fairness, innovazione e concorrenza nella Data Economy” promosso dall’Università Europea di Roma nell’ambito della Jean Monnet Chair in EU Innovation Policy -. È necessario dunque sostenere la crescita di un’area digitale su scala europea capace di stimolare lo sviluppo di nuovi prodotti e servizi basati su questo asset strategico”.

“Per una concreta realizzazione di questo obiettivo – ha proseguito Martusciello – se da un lato è indispensabile attuare misure per migliorare le condizioni dei settori ad alta densità di dati e renderne quindi più efficiente l’utilizzo, dall’altro occorre rafforzare le regole sulla protezione dei dati, sulla concorrenza e sulla protezione dei consumatori”.

L’Agcom, ha spiegato il Commissario, mostra una grande sensibilità “verso gli aspetti inerenti la trasparenza, sia nell’ambito dei mercati online, con la previsione di ulteriori obblighi informativi a tutela del consumatore, che in quello dei risultati di ricerca online, con misure che chiariscano quando il placement dipenda da un rapporto commerciale con la piattaforma utilizzata o meno”.

“Non si tratta di un impegno statico, di mera applicazione delle norme, quanto invece di seguire costantemente i processi tecnologici e di valutarne le relative conseguenze”. Un’azione complessa, “resa ancor più difficile dalla circostanza che si opera in un contesto nuovo con dinamiche di mercato differenti da quelle tradizionalmente conosciute”, ha rimarcato il Martusciello.

A fronte di cambiamenti tecnologici sempre più rapidi, anche i tradizionali strumenti di analisi sembrano vacillare e, secondo il Commissario, è importante domandarsi se lo sviluppo dell’economia digitale ci richiede di superare gli schemi tradizionali. “Seppur non sia possibile applicare vecchi strumenti a nuovi problemi, l’innovazione non può però comportare automaticamente il superamento dei principi e dei valori posti alla base delle tutele sinora garantite”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Personaggi

A
Antonio Martusciello

Approfondimenti

A
agcom
D
data economy
S
search

Articolo 1 di 2