ALLARME PRIVACY

Facebook e dati sensibili, a rischio il 16% degli ospedali italiani

Secondo un’analisi di AvantGrade il sistema di tracciamento Pixel utilizzato da numerosi portali sanitari consentirebbe di “estrarre” informazioni profilando pazienti o navigano all’interno delle pagine

21 Set 2022

Lorenzo Forlani

privacy-170504152016
Il 16% dei migliori 50 ospedali italiani trasmette dati potenzialmente sensibili a Facebook attraverso il Facebook Pixel, ovvero un sistema di tracciamento pubblicitario inserito nei siti web che consente a Meta di registrare le attività che i visitatori svolgono all’interno dei siti ospedalieri. Questo è quanto emerge dallo studio condotto da AvantGrade.com – agenzia di digital marketing e web analytics – che ha selezionato i 50 migliori ospedali in Italia partendo dalla classifica di Newsweek del 2022.

Il sistema di tracciamento automatico di Facebook Pixel 

Gli ospedali che hanno installato il Pixel Facebook, inviano quindi al social network informazioni potenzialmente sensibili, derivabili dai comportamenti di navigazione degli utenti. Per fare un esempio, se il Sig Rossi entra sul sito dell’ospedale X che ha installato il Pixel Facebook e naviga sulla pagina di prenotazione di una visita oculistica, Facebook lo saprà e potrà risalire al suo nome e cognome (tramite l’account social) e, nel caso, profilarlo con una pubblicità di occhiali da vista.

WHITEPAPER
Certificazioni GDPR: tutti i vantaggi per le organizzazioni che vi aderiscono
Legal
Privacy

Di norma i sistemi di tracciamento pubblicitari si dovrebbero attivare solo quando l’utente accetta il banner dei cookie, salvo ci siano errori nelle impostazioni tecniche. Dall’analisi emerge che alcuni siti ospedalieri attivano i tracciamenti prima che venga dato il consenso ai cookie, come mostra la ricerca completa realizzata d AvantGrade.com con l’elenco degli ospedali analizzati. Il tema della privacy sul web in ambito salute è molto attuale e delicato, visto che milioni di utenti usano assiduamente la rete per informarsi, cercare strutture e medici, prenotare visite mediche, raccogliere informazioni su determinate patologie.

Una ricerca simile anche negli Stati Uniti

“Quando abbiamo un dubbio sulla nostra salute, il primo amico con cui ci confidiamo si chiama Dottor Google. Questa ricerca ha l’obiettivo di sensibilizzare le grandi aziende che operano in ambito salute e pharma a impostare e controllare con maggiore attenzione i loro strumenti di web analytics e profilazione pubblicitaria” – ha commentato Ale Agostini, Ceo di AvantGrade.com, che organizza una formazione ad hoc sul tema il 22/9/22 a Como. “Simile ricerca è stata fatta da The Markup negli Stati Uniti, dove risulta che il 33% dei top ospedali americani usano il tracciamento Facebook. Siamo a disposizione dei responsabili Marketing degli ospedali Italiani- ha proseguito Agostini – per aiutarli a migliorare la privacy degli utenti che navigano in rete i loro siti”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5