Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

NOMINE

Dazn rilancia, “scippato” ad Apple il capo delle strategie internazionali

La piattaforma di sport streaming ha assunto Ben King, ex di Cupertino, per dirigere l’espansione e le alleanze globali (anche con le telco). Dal 2019 Dazn raggiunge anche Brasile e Spagna; il potenziale dello sport in diretta su piattaforme digitali è “impressionante”, dice King

04 Gen 2019

Patrizia Licata

giornalista

Dazn ha assunto uno dei manager di punta di Apple, Ben King, direttore commerciale per i servizi internazionali della Mela. La piattaforma di streaming interamente dedicata allo sport punta così a un’aggressiva espansione su scala mondiale: King è stato nominato vice presidente senior per la distribuzione e lo sviluppo del business globale di Dazn; assumerà il nuovo incarico da febbraio.

King ha lavorato per 12 anni in Apple; nel ruolo che ha ricoperto finora come capo commerciale internazionale di Cupertino ha seguito la pianificazione e lo sviluppo delle attività, le alleanze strategiche e il licensing dei contenuti fuori dagli Stati Uniti, con un ruolo chiave nel promuovere la crescita di Apple Music.

Per Dazn King si occuperà di guidare la strategia di crescita e costruire alleanze commerciali e per la distribuzione insieme a piattaforme digitali, operatori di telecomunicazione, brand, negozi e portali Internet.

La sua nomina in Dazn arriva in un momento cruciale per l’attuazione della strategia dell’azienda dello streaming sportivo che ha annunciato per il 2019 il lancio in Spagna e in Brasile, portando a nove i paesi in cui il servizio è attivo e che ad oggi includono Giappone, Germania, Austria, Svizzera (raggiunti già nel 2016), Canada (dal 2017), Italia e Stati Uniti, dove Dazn ha avviato l’attività, come noto, l’anno scorso.

Dazn si basa sui contratti che le assicurano i diritti locali e internazionali per trasmettere i contenuti sportivi nei mercati in cui lancia il proprio servizio; nel caso del Brasile si è assicurata per il 2019 i diritti esclusivi per la Copa Sudamerica, mentre in Spagna potrà trasmettere le partite della Premier League inglese. Nel 2018, sottolineano gli osservatori di mercato, l’acquisizione di più alto profilo sono stati i diritti per alcune delle partite della Serie A di calcio italiana.

King, che risiede a Londra, riporta a John Gleasure, chief business development officer di Dazn. Lo stesso Gleasure lo ha descritto come un manger “innovativo e dotato di talento che porta risultati, conosciuto e rispettato nel settore”, con esperienza globale e un approccio competente che “permetteranno a Dazn di crescere più velocemente e con più forza man mano che ampliamo il nostro business su mercati nuovi e esistenti”.

King ha detto di essere stato conquistato da Dazn, “per il prodotto, le persone e gli obiettivi ambiziosi” e che “Dazn ha individuato l’opportunità di sviluppare un servizio globale di sport streaming prima di qualunque altro e sta attuando la sua strategia con determinazione per rafforzare il vantaggio”.

King ha aggiunto che lo sport in diretta potrebbe essere l’ultimo baluardo di resistenza nella rivoluzione portata dai digital media ma dice di non avere dubbi che gli appassionati vogliano un servizio che li porta più vicino alle squadre che tifano e alle star dello sport con modalità più user-friendly e con prezzi meno cari. “Il potenziale è impressionante e sono entusiasta di entrare in Dazn per contribuire a realizzarlo”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

A
apple
D
dazn
S
streaming

Articolo 1 di 5