Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

De Kerckhove: “Il cloud? Rivoluzione psico-tecnologica”

Il media guru considera “immense” le opportunità legate al cloud computing che però “deve ancora arrivare a maturazione”. La vera sfida sarà portare la nuvola nella PA. Sandei (Ad Almawave): “Le amministrazioni vanno sostenute e stimolate”

17 Mag 2010

“Siamo entrati nell’era del cloud computing e le prospettive
aperte dalla nuvola, nel mondo della comunicazione e dei servizi
pubblici sono immense”. Derrick De Kerckhove, uno dei più grandi
studiosi dei media contemporanei, non ha dubbi: è iniziata l’era
della nuvola, “un cambiamento di tipo psico-tecnologico che,
però, ancora non è arrivato a maturazione”.

“Nonostante sempre più aziende che gravitano nel mondo di
Internet, da Amazon a Microsoft, passando ovviamente per Google,
plaudono alla nuova architettura – sottolinea lo studioso,
intervenendo al convegno “Ontology Cloud Computing per la
comprensione dei bisogni dei cittadini. Nuove opportunità per
aziende e Pubblica Amministrazione” che si tenuto presso la Sala
Almaviva di Forum PA – molte altre ancora temono i rischi
collegato all’utilizzo del cloud; rischi che riguardano in
special modo la questione delle privacy, quindi del trattamento dei
dati, e della sicurezza”.

In questo senso De Kerckhove ammette che si tratta di ostacoli
“ancora esistenti e che vanno rimossi, se si vuole che la nuvola
conquisti anche gli scettici” – il 54% delle aziende italiane
ammette di non voler passare a soluzioni cloud proprio perché la
questione della sicurezza è ancora aperta, ricorda lo studioso –
“soprattutto la PA che, in quanto organizzazione complessa, più
di altre beneficerebbe dell’utilizzo del cloud”.

Come riuscire, dunque, a creare fiducia intorno alla nuvola?
“Rafforzando le ontologie, ovvero creando delle classificazioni
dei servizi offerti tramite le architetture cloud per consentire
alle pubbliche amministrazioni di disegnare e realizzare i più
efficienti portali e punti di accesso – risponde Valeria Sandei,
Ad di Almawave -. Bisogna, inoltre, facilitare e stimolare
l’adozione di queste architetture in tutti i contesti pubblici.
Si tratta però di azioni che vanno concertate a livello europeo,
tra tutte le PA”.

Per quanto riguarda la questione della gestione del dato, sia De
Kerckhove sia la Sandei ricordano che la privacy è un problema
aperto che inerisce la Rete in quanto tale e, di conseguenza, il
cloud che ha in Internet il suo cuore pulsante