Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

AGENDA DIGITALE

De Tommaso: “Sfruttare al meglio le risorse esistenti”

Sul nostro giornale le ricette dei numeri uno delle principali associazioni di settore per attuare l’Agenda digitale. Ecco l’intervento del presidente di Anfov

11 Mag 2012

L’Agenda Digitale ha il grande merito di focalizzare l’attenzione sull’enorme contributo che l’Ict può offrire per superare il gap di produttività dell’Europa. Solo la crescita della produttività, che è strettamente legata all’uso ottimale delle tecnologie digitali più avanzate, può portarci fuori dalla grave crisi che la finanza speculativa ha creato nel mondo occidentale; e può farci competere con i paesi emergenti che hanno un costo del lavoro di 10 o 20 volte inferiore.

Credo però che l’Agenda Digitale e le pubbliche amministrazioni debbano affrontare un gap culturale che ha molte articolazioni: il gap riguarda infatti la ricerca, l’istruzione universitaria, e anche la cultura di management, che dovrebbe essere orientata contemporaneamente all’uso intelligente delle tecnologie e al marketing. L’Agenda Digitale ci impegna a superare rapidamente il Digital Divide e a realizzare ovunque infrastrutture a banda larga e larghissima. Queste sono indispensabili perché senza reti capillari e avanzate le imprese sono costrette a delocalizzare o a fallire. Ma è anche vero che senza una cultura tecnologica diffusa si corre il rischio che le infrastrutture più avanzate figurino come belle cattedrali nel deserto. Occorre inoltre prendere atto del fatto che le risorse per i nuovi investimenti sono molto limitate, sia sul fronte privato che pubblico.

La prima regola per cogliere gli obiettivi ambiziosi dell’Agenda Digitale dovrebbe allora essere quella di sfruttare le migliori risorse tecnologiche già esistenti, in particolare quelle wireless, come le tecnologie satellitari e WiMax, e in futuro Lte. Per quanto riguarda le reti in fibra ottica occorrerà utilizzare al meglio e condividere i condotti già esistenti, dal momento che gli scavi costituiscono la voce di costo di gran lunga maggiore per realizzare le Ngn. Non a caso noi dell’Anfov ci stiamo impegnando a fondo per l’elaborazione di un Catasto Nazionale delle reti delle diverse utilities.

Argomenti trattati

Approfondimenti

A
achille de tommaso
A
agenda digitale
A
anfov