Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

LA PARTNERSHIP

Debutta in Italia il primo smartwatch con la sim virtuale

Tim e Samsung lanciano Gear S2 Classic 3G. La e-Sim integrata consentirà di collegare il dispositivo, dotato di tutte le funzioni di uno smartphone, direttamente alla rete mobile

26 Ago 2016

A.S.

Uno smartwatch che può collegarsi direttamente alla rete mobile e che integra tutte le funzioni di uno smartphone. E’ il Samsung Gear S2 Classic 3G, lanciato oggi in Italia grazie alla partnership tra Tim l’azienda coreana e alla collaborazione con Gemalto. La particolarità di questo device è di essere il primo wearable al mondo a poter contare sull’enbedded sim integrata. Grazie a questa tecnologia, spiega Tim in una nota, sarà possibile collegare il dispositivo alla rete mobile di Tim attraverso un QR code, in modo semplice ed immediato.

Quanto alle altre caratteristiche, il Gear S2 Classic 3G è un orologio dotato di tutte le funzioni dello smartphone, dal quadrante circolare con finiture in metallo. E’ possibile effettuare chiamate, inviare e ricevere Sms, ricevere notifiche, consultare i dati relativi al proprio fitness (contapassi, cardiofrequenzimetro, cronometro), consultare email e i social network. Dotato di un sistema operativo Tizen, lo smartwatch permette di navigare e scegliere i diversi servizi e le schermate grazie anche ad una ghiera girevole. Inoltre Gemalto, attraverso la propria piattaforma, garantirà la corretta gestione e personalizzazione del servizio radiomobile direttamente all’interno della SIM embedded.

“L’adozione della eSim – si legge in una nota ti Tim – è solo un primo passo nell’evoluzione delle funzionalità della Sim tradizionale. Questo nuovo sistema rende possibile l’attivazione e l’aggiornamento della sottoscrizione da remoto al servizio, e permetterà successivamente l’adozione della eSim anche su altre tipologie di dispositivi quali tablet e smartphone”.