Deutsche Telekom-Intel Security, alleanza in nome della cyber-sicurezza - CorCom

IL PROGETTO

Deutsche Telekom-Intel Security, alleanza in nome della cyber-sicurezza

Trasformare la tecnologia degli “honey pot” in sensori integrabili in qualunque device connesso: questo lo scopo del progetto di ricerca congiunto. Gli utenti sarebbero subito allertati in caso di minacce e i loro sistemi aggiornati

01 Lug 2015

Patrizia Licata

Deutsche Telekom e Intel Security alleate sulla cyber-sicurezza: le due aziende si sono accordate per realizzare un progetto di ricerca congiunto nel campo della sicurezza informatica che mira a rendere gli “honey pot” una tecnologia commerciale.

Gli honey pot sono computer che “fingono” di essere Pc, server o smartphone vulnerabili e agiscono da esca per gli hacker e i pirati della rete, con l’obiettivo di essere attaccati e portare alla luce le minacce informatiche. L’alleanza tra Deutsche Telekom e Intel Security mira a rendere gli honey pot una tecnologia disponibile a tutti gli utenti, sia business che consumer.

Deutsche Telekom intende sviluppare la tecnologia degli honey pot trasformandoli in sensori di cyber-security che possono essere integrati in qualunque device connesso. La telco tedesca ha già un sistema di test con molti honey pot a livello mondiale; grazie all’alleanza con Intel Security, questa rete di honey pot verrà ampliata aggiungendo nuovi sensori digitali.

Inoltre, le due aziende condurranno insieme la ricerca sugli honey pot per capire come possono evolvere ed essere convertiti in un prodotto disponibile a livello commerciale. Lo sviluppo di nuovi sensori da integrare in qualunque device con capacità di elaborazione e connessione Internet è lo scopo principale del progetto. Con questi sensori, infatti, gli utenti potranno essere avvertiti in modo rapido di una minaccia e potranno aggiornare i loro sistemi in caso di cyber-attacco. Il progetto di ricerca si basa sulle più recenti tecnologie di Intel per hardware e sicurezza.

Deutsche Telekom afferma che quotidianamente individua fino a 600.000 attacchi grazie ai suoi sensori digitali, mentre i sensori di Intel Security registrano gli attacchi e passano al setaccio vaste porzioni del web in cerca di minacce.

“Il nostro scopo è sviluppare la tecnologia degli honey pot trasformandola in sensori di cyber-security per qualunque device e Intel Security è il partner ideale per questo progetto”, conferma Thomas Tschersich, Director of IT and physical security di Deutsche Telekom. “Più conoscenza sulle minacce riusciamo a ottenere senza che le aziende subiscano cyber-attacchi, maggiore è la nostra capacirà di apprendere, anticipare e agire quando gli attacchi avvengono realmente”, sottolinea Vincent Weafer, senior vice president dei McAfee Labs di Intel Security. “Il progetto Honey Pot è unico nel suo genere perché sfrutta la rete globale di honey pot di Deutsche Telekom e il know-how globale di ricerca e intelligence sulle minacce di Intel Security“.