IL PROGETTO

Digital business, il cloud (e non solo) di Ibm per la svolta tech di banca Bper

L’accordo prevede il potenziamento dell’infrastruttura on premise e il supporto a progetti basati su multicloud ibrido e intelligenza artificiale. Obiettivo: migliorare efficienza e dare impulso a digitalizzazione e sostenibilità ambientale nell’ambito del piano strategico al 2025

14 Set 2022

Lorenzo Forlani

IBM Stefano Rebattoni_0622

Il Gruppo Bper Banca e Ibm hanno siglato un accordo quadriennale per supportare la modernizzazione tecnologica del gruppo bancario, già prevista dal nuovo piano strategico quadriennale “Bper-evolution”, che guarda all’orizzonte del 2025. L’intesa prevede la realizzazione di progetti di trasformazione basati su tecnologie di nuova generazione – come Ibm Cloud e i sistemi mainframe e storage di Ibm – e le piattaforme multi-cloud ibride, come Red Hat Openshift, la piattaforma cloud open source leader di settore.

Gli obiettivi dell’accordo

Tra gli obiettivi dell’accordo, oltre ad un miglioramento dell’operatività e dell’efficienza, è previsto l’avvio di un nuovo modello di business digitale sicuro e sostenibile. In particolare, l’utilizzo di soluzioni e competenze digitali avanzate negli ambiti di intelligenza artificiale, cybersecurity e automazione data-driven consentiranno al Gruppo Bper di rispondere ancor più efficacemente alle esigenze della propria clientela, attraverso servizi personalizzati e multi-canale, oltre ad avviare un percorso virtuoso a favore di un ambiente che guarda al futuro.

WEBINAR
13 Ottobre 2022 - 10:00
Strutturare una comunicazione efficace tra la Forza di Vendita ed il Customer Service: scopri come!
Cloud
CRM

Nel corso degli ultimi mesi Ibm, forte della sua esperienza globale nel mercato dei servizi finanziari regolamentati, ha collaborato nella definizione di una strategia di modernizzazione e trasformazione del sistema di core banking del Gruppo Bper, e sta ora accompagnando il progetto di integrazione di Banca Carige. L’intesa pluriennale prevede l’opportunità di realizzare progetti a elevato contenuto trasformativo e di innovazione, mettendo a disposizione di Bper le migliori competenze Ibm di consulenza, system integration e sui processi bancari, per accelerare sia la modernizzazione del sistema informativo sia la trasformazione applicativa, anche attraverso iniziative legate al journey to cloud della Banca.

Il Gruppo Bper Banca, inoltre, ha recentemente presentato agli investitori il Piano Industriale 2022-2025, che prevede il passaggio da un modello filiale-centrico a uno digitale, più efficiente e vicino alle esigenze della clientela. Per raggiungere gli obiettivi previsti dal Piano, risultano di fondamentale importanza, tra gli altri, gli investimenti previsti dal Gruppo nella trasformazione dell’infrastruttura tecnologica anche per i programmi Esg (Environmental, Social, and Corporate Governance).

Ibm a sostegno della trasformazione digitale

Ibm supporterà Bper Banca nell’accelerazione del suo percorso di crescita strategica con tecnologie aperte e sicure per modernizzare e innovare, contribuendo a fornire esperienze per accompagnare la trasformazione digitale in modo più veloce, senza soluzione di continuità e conforme”, ha dichiarato Stefano Rebattoni, Amministratore Delegato di Ibm Italia (nella foto). “La strategia di modernizzazione combinerà un approccio cloud ibrido ampliato con nuove funzionalità software potenziate dall’intelligenza artificiale, costruite e gestite con la profonda esperienza di settore di Ibm per aiutare Bper Banca a raggiungere i suoi obiettivi di trasformazione e migliorare l’esperienza dei clienti”.

Innovazione e digitalizzazione sono uno dei principali asset su cui sta puntando Bper Banca – ha affermato Elvio Sonnino, Vice Direttore Generale e Chief Operating Officer di Bper Banca –. Il settore bancario è infatti in rapida trasformazione e i benefici e le potenzialità che emergono dalle dinamiche di innovazione tecnologica a cui oggi assistiamo sono ampi. La partnership con Ibm ci consentirà di effettuare un importante upgrade tecnologico, di realizzare una maggiore sinergia dei processi e di ampliare l’offerta dei servizi omnicanale di qualità, per rispondere ancor più efficacemente alle sempre maggiori esigenze della clientela”.

 

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5