L'INIZIATIVA

Digital gender gap, via al fondo Widef: prima call da oltre 60 milioni

Istituito dall’Agenzia Usa per lo Sviluppo Internazionale e dalla Fondazione Bill & Melinda Gates, il veicolo investe in soluzioni per colmare il divario di genere. Lanciato l’invito per le candidature delle istituzioni locali

Pubblicato il 13 Mar 2024

fonte: Widef.global

Diventa operativo Widef (Women in the digital economy fund), lo strumento che mira a finanziare iniziative di impatto comprovato per ridurre il divario digitale di genere. Il veicolo, istituito dall’Agenzia Usa per lo sviluppo internazionale (Usaid) e dalla Fondazione Bill & Melinda Gates, con una dotazione di 60,5 milioni di dollari in cinque anni, ha infatti annunciato il suo primo invito a presentare domande: da ora le istituzioni locali di tutto il mondo possono candidarsi per ricevere finanziamenti e sostegno da Widef. Le domande devono essere presentate entro il 6 maggio 2024.

“Il divario digitale di genere ostacola il progresso, perpetuando le disuguaglianze esistenti nel tessuto delle società del futuro e creando ulteriori disparità. Abbiamo bisogno di un futuro in cui le donne abbiano il potere di partecipare come cittadini uguali nel nostro mondo sempre più digitale. Non vediamo l’ora di lavorare insieme per raggiungere questa visione”, ha affermato Samantha Power, amministratrice dell’Usaid.

Widef è amministrato dai partner del consorzio Care, Global digital inclusion partnership (Gdip) e Gsma Foundation. Oltre che dall’Usaid e dalla Bill & Melinda Gates Foundation, i finanziamenti sono forniti anche da Microsoft e dall’Agenzia coreana per la cooperazione internazionale.

Il divario digitale di genere costa 1 trilione di dollari

Garantire l’accesso alla tecnologia digitale per tutte le donne e le ragazze è fondamentale per raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite. Ciò contribuirà ad assicurare che tutti abbiano accesso alle opportunità economiche, ai servizi governativi, all’istruzione e all’assistenza sanitaria.

Nei paesi a basso e medio reddito, quasi un miliardo e mezzo di donne non hanno accesso ai servizi online. Fino al 2022, c’erano 259 milioni di uomini in più rispetto alle donne a livello globale che utilizzavano Internet; un divario che è costato all’economia globale circa 1 trilione di dollari. Chiudere il divario digitale di genere aumenterebbe l’attività economica di circa 524 miliardi di dollari entro il 2025.

Le azioni: formazione digitale e tecnologie women-led

“Chiudere il divario digitale di genere è stato al centro del lavoro della Fondazione Gsma per oltre un decennio e siamo estremamente onorati di svolgere un ruolo attivo nella gestione del Women in the digital economy fund. Non vediamo l’ora di ricevere le domande per il primo round lanciato oggi e per gli altri due round che saranno annunciati entro la fine dell’anno, incentrati sui grandi attori del settore privato e in particolare sull’India“, ha affermato Max Cuvellier Giacomelli, Head of mobile for development, Gsma.

Widef sosterrà e finanzierà programmi che promuovono l’accesso digitale e l’accessibilità economica; svilupperà prodotti e strumenti pertinenti; erogherà corsi per l’alfabetizzazione digitale e la formazione delle competenze digitali; promuoverà la cultura della sicurezza online; e investirà in dati e ricerche disaggregati per sesso. Sosterrà, ove possibile, soluzioni, prodotti e strumenti guidati dalle donne e che potranno fortemente influire sulla chiusura del divario di genere e investirà per garantire che le voci e le istituzioni più impegnate sulla parità di genere partecipino alle iniziative.

Donne partecipi della digitalizzazione come creatrici e leader

“Sono orgoglioso del nostro sostegno al Women in the digital eeconomy fund. Superare il divario digitale di genere è fondamentale per rendere le donne protagoniste nell’era digitale. Aumentando la partecipazione delle donne alla tecnologia digitale, non miriamo solo a cambiare il loro status da consumatori a creatori e leader; stiamo lavorando per forgiare un percorso verso un futuro in cui tutti ne traggano beneficio”, ha affermato Anita Zaidi, presidente della divisione per l’uguaglianza di genere presso la Bill & Melinda Gates Foundation.

Widef vede in prima linea il governo americano. Il fondo è stato annunciato per la prima volta dalla vice presidente degli Stati Uniti, Kamala Harris, ad Accra (Ghana) nel marzo del 2023. L’annuncio dell’apertura delle domande è stato dato nel corso di un evento ufficiale che ha riunito rappresentanti del mondo pubblico e privato edella società civile di tutto il mondo. In rappresentanza dell’amministrazione Biden-Harris c’era Rachel Vogelstein, vicedirettrice del Consiglio per la politica di genere della Casa Bianca.

Internet deve essere anche per le donne 

Il consorzio che gestisce Widef collaborerà con organizzazioni del settore per coinvolgere efficacemente gli attori e i finanziatori del settore privato locale e globale e promuovere impegni condivisi per colmare il divario digitale di genere.

Widef vuole mettere milioni di donne al centro dello sviluppo della connettività internet e dello sviluppo tecnologico. Care porta la sua forza nel gestire programmi locali e incentrati sulla parità di genere in oltre 100 paesi. Lo sforzo collettivo del consorzio sulla tecnologia, la politica e la parità di genere offre la più grande opportunità di creare e sostenere un Internet che funzioni per le donne”, ha affermato Revi Sterling, direttore tecnico Widef e direttore tecnico senior di Care, Digital inclusion.

“Il lancio di Widef è davvero un momento speciale, che riflette un reale impegno e determinazione ad affrontare il divario digitale di genere e dare uguali opportunità alle donne nell’economia digitale. Gdip è impegnata per l’inclusione digitale delle donne e non vediamo l’ora di lavorare insieme ai nostri partner globali per far progredire questo sforzo collettivo”, ha affermato Sonia Jorge, direttrice esecutiva del Gdip.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articoli correlati

Articolo 1 di 3