IL PROGETTO

Digital & Green, a Bari il “super lab” Roboze: eco-materiali stampati in 3D

Si punta allo sviluppo di soluzioni alternative ai polimeri a base di petrolio favorendo l’utilizzo di matrici e fibre a base biologica. Il tutto grazie a software e hardware all’avanguardia. Assunzione di 40 figure specializzate nei prossimi 18 mesi

13 Set 2022

Lorenzo Forlani

CS 18-22

Roboze, fornitore di soluzioni di produzione additiva, ha annunciato l’avvio dei lavori per la realizzazione di un laboratorio d’avanguardia, dedicato allo sviluppo dei super materiali del futuro. La nuova struttura di 2000 mq, con sede a Bari, in Italia, avrà l’obiettivo di accelerare la transizione ad una manifattura sostenibile, e si aggiungerà alle altre già consolidate due sedi dell’azienda nello stesso territorio, arrivando a coprire una superficie di oltre 5000mq, completamente dedicata allo sviluppo e ingegnerizzazione dell’intero ecosistema tecnologico Roboze: stampanti 3D, software e scienza dei materiali.

Il tema è caldo, l’attenzione è alta, la preoccupazione pure. Ricercatori accademici e industriali di tutto il mondo sono al lavoro per ideare soluzioni che possano ridurre il consumo e la dipendenza da combustibili fossili, ritenuti tra le cause principali del cambiamento climatico. Partendo dal capovolgimento del modello produttivo delocalizzato, e proponendo un nuovo paradigma produttivo, la Roboze Distributed Manufacturing vanta dei centri specializzati di stampa 3D con i sistemi Roboze, distribuiti in tutto il mondo, che producono parti dove e quando servono, abbattendo trasporti e sprechi, oltre a programmi di Circular Economy per il recupero degli scarti di lavorazione e parti in disuso da reimmettere sul mercato, a vantaggio di utilizzatori finali e soprattutto dell’ambiente.

In prima linea nella scienza dei materiali

Oggi Roboze rafforza il suo impegno e investe in una struttura che accoglierà nuovi laboratori di scienza dei materiali, chimica e nanotecnologie. L’obiettivo è quello di avanzare rapidamente nello sviluppo di materiali alternativi ai super polimeri a base petrolio, favorendo l’utilizzo di matrici e fibre di rinforzo a base biologica. La sfida sta nel ricercare nuovi materiali e tecnologie che possano da un lato ridurre la generazione di anidride carbonica (responsabile dell’effetto serra), e dall’altro raggiungere le proprietà dei super polimeri disponibili oggi nella sostituzione di parti metalliche.

Evento in presenza
SAP NOW, 20 ottobre | Sostenibilità e innovazione per un ecosistema digitale che rispetta il pianeta
Cloud
Datacenter

Roboze è impegnata ogni giorno nello sviluppo dei super materiali del futuro che uniranno eco-sostenibilità a performance d’avanguardia, con l’obiettivo di accelerare la transizione ad una manifattura sostenibile”, ha dichiarato Alessio Lorusso, Founder & Ceo di Roboze. In vista dell’avvio del laboratorio, Roboze ha aperto nuove assunzioni in campo ingegneristico e scientifico. La chiamata prevede l’inserimento di 40 figure specializzate da inserire nei prossimi 18 mesi.

Abbiamo un team formidabile di scienziati e ingegneri. Mettiamo in dubbio costantemente ogni giorno lo status quo di quello che si pensa realizzabile e quello che sembra futuristico, dando una data precisa a questa seconda categoria. I nostri nuovi laboratori ci permetteranno di velocizzare repentinamente tutti gli sviluppi e ci daranno molte più possibilità d’inventare quello che nessuno credeva possibile. La nostra sfida in Roboze è realizzare una tecnologia di stampa 3D e super materiali per un cambio di paradigma del modello produttivo odierno, producendo parti ad alte performance in modo sostenibile, just in time e on demand, eliminando la dipendenza dai metalli e dal petrolio” ha concluso Lorusso.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Personaggi

A
alessio lorusso

Aziende

R
roboze

Approfondimenti

3
3D
G
green
S
scienza materiali

Articolo 1 di 4