Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

STRATEGIE

Digital transformation, Merkel chiede il sostegno degli esperti internazionali

Insediata oggi la nuova commissione che farà capo al ministero della Difesa. La Cancelliera: “I consulenti dovranno guidare il Governo e fare domande scomode”. Da New York l’ex responsabile digitale di Barack Obama

22 Ago 2018

La Germania accelera sulla trasformazione digitale e attiva da oggi da oggi la nuova commissione tecnica di esperti “di diversa provenienza e esperienze molto diverse fra loro”, ha affermato il portavoce di Angela Merkel.

Il comitato sarà formato da sei uomini e quattro donne, sotto la guida della sottosegretaria del ministero della Difesa Katrin Suder: “Si tratta di un consiglio indipendente – fa sapere il governo – che dovrà accompagnare il governo nell’innovazione digitale”. I tecnici lavoreranno su base volontaria.

“Sono convinta che potremo mantenere il nostro impegno governativo solo se cercheremo anche consigli esterni”, ha detto Merkel nel suo video messaggio settimanale. Gli esperti dovranno “guidare” il governo e fare “domande scomode”.

Tra gli esperti, da New York arriva il professore di giurisprudenza Beth Simone Noveck, ex responsabile della digitalizzazione alla Casa Bianca sotto il presidente Barack Obama. Ancora, Viktor Mayer-Schönberger, professore a Oxford per Internet Governance; Urs Gasser, direttore dell’Harvard Berkman Klein Center for Internet & Society; Ada Pellert, Rettore dell’Università di Hagen; Peter Parycek, responsabile del centro di competenza IT pubblico dell’Istituto Fraunhofer Fokus; lo scienziato Andreas Weigend.

Intelligenza artificiale, blockchain e il futuro del lavoro al centro dell’agenda. L’obiettivo è contribuire a “modellare la trasformazione digitale e utilizzare le sue opportunità a beneficio dei cittadini”. D’ora in poi, il governo tedesco coordinerà regolarmente gli sviluppi digitali con il nuovo comitato.

Il piano viene criticato dall’opposizione. Secondo Verdi e Fdp “se il governo ha ancora bisogno di lezioni di digitalizzazione nel 2018 non è solo una tragedia, ma si squalifica da solo”.

Secondo Tomaso Duso dell’Istituto tedesco di ricerca economica non sono ancora chiare “le competenze del governo federale e delle autorità locali”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

C
commissione
D
digital
G
germania

Articolo 1 di 5