Digital wallet, per gli esercenti sfida costi-investimenti. Ne va del business futuro - CorCom

LO STUDIO

Digital wallet, per gli esercenti sfida costi-investimenti. Ne va del business futuro

In forte aumento l’utilizzo di app di pagamento, in particolare via smartphone. E abilitarli per gli acquisti comporta scelte strategiche e di opportunità. Il mercato è destinato a un profondo cambiamento a seguito delle rinnovate abitudini dei consumatori innescate dalla pandemia

15 Feb 2021

Giampiero Rossi

In tutto il mondo, anche a causa della pandemia da Covid-19, stanno crescendo sempre di più i digital wallet, o portafogli digitali, noti anche come “e-Wallet“, ovvero i dispositivi elettronici, i servizi online o software che consentono di effettuare transazioni elettroniche attraverso valuta digitale.

A tal proposito, infatti, Juniper Research ha rilevato, nel suo whitepaper “Digital Wallets ~ Transforming the Way We Pay?” che la spesa totale tramite digital wallet, rispetto ai 5,5 trilioni di dollari del 2020, supererà i dieci trilioni di dollari nel 2025, pari quindi una crescita dell’83% alimentata anche dalla maggiore adozione dei pagamenti digitali durante la pandemia.

I portafogli digitali, in cui i dettagli di pagamento sono archiviati e accessibili tramite un’unica applicazione, si sono dimostrati convenienti e sicuri durante questo periodo difficile.

Juniper ha rilevato che i digital wallet stanno diventando sempre più capaci di effettuare pagamenti contactless e remoti, tanto che la ricerca prevede addirittura che, da poco meno del 36% del 2020, nel 2025 i pagamenti contactless ed e-commerce rappresenteranno il 50% della spesa totale attuati con i wallet, rendendo queste le aree ad alta priorità in cui i fornitori di servizi dovranno massimizzare le loro reti di esercenti.

Nel rapporto di Juniper dal titolo “Digital Wallets: Key Opportunities, Vendor Analysis and Market Forecasts 2021-2025” si è anche rilevato che il rapido aumento della disponibilità dei portafogli digitali, insieme alla crescente adozione, ha lasciato agli esercenti decisioni difficili in merito alla varia scelta di wallet.

Juniper ha identificato i costi d’integrazione per più portafogli come una sfida per i commercianti, il che significa che scegliere quelli giusti su cui concentrarsi è molto importante. La coautrice della ricerca, Alexandria Sadler, ha spiegato che gli esercenti devono ponderare le loro strategie sull’accettazione dei wallet, giudicando quelli giusti da scegliere come target, altrimenti avranno solo problemi di costi maggiori e vantaggi limitati.

La ricerca, infine, evidenzia gli attuali sviluppi dei portafogli digitali e come questi siano stati drasticamente influenzati dall’impatto della pandemia, che ha portato a cambiamenti negli atteggiamenti dei clienti. Infatti, lo studio ha anche evidenziato che, durante la pandemia, il maggiore utilizzo di pagamenti mobili contactless, spinto dalle preoccupazioni per l’uso del contante, ha favorito, nell’ecosistema dei pagamenti, un maggiore sfruttamento dei digital wallet.

Per questo si prevede che l’adozione della tecnologia contactless crescerà, con oltre il 34% dei telefoni cellulari che utilizzeranno i pagamenti contactless nel 2025, rispetto all’11% nel 2020. Questo sviluppo significa che l’integrazione di portafogli contactless nei processi di checkout sarà fondamentale per soddisfare le prossime aspettative degli utenti.

@RIPRODUZIONE RISERVATA