Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

LO SCENARIO

Auto a guida autonoma, il 42% degli italiani dice sì

EY accende i riflettori sui trasporti del futuro e indaga sulle aspettative nel nostro Paese. Restano alti i timori in merito alla sicurezza dei veicoli “robot” ma non manca l’entusiasmo per l’innovazione tecnologica. Iacovone: “Occasione di cambiamento anche per le città”

22 Mag 2018

La mobilità del futuro? È smart, integrata e sostenibile. La fotografia è scattata da uno studio EY presentato al convegno “La mobilità del possibile -proposte per l’Italia”, a Milano. Entrando nel dettaglio l’auto a guida autonoma la utilizzerebbe il 42,4% degli italiani, il 29,4% ritiene che renderà gli spostamenti più sicuri e il 60% pensa che la utilizzeremo in un futuro ancora lontano. E pesare soprattutto i timori legati alla sicurezza: il 62% ritiene che la sicurezza dell’auto a guida autonoma  sia inferiore rispetto a quella garantita dalla guida umana.

“L’adozione del digitale, l’innovazione tecnologica e la crescente convergenza tra i settori rappresentano un passaggio obbligato di cambiamento per il settore della mobilità – spiega sottolinea l’amministratore delegato di EY in Italia, Donato Iacovone – Aumentano i consumatori che non vogliono un mezzo di trasporto, ma cercano un servizio, quindi aumenta lo sharing non solo dell’auto ma anche delle due ruote. Questo offre la possibilità di inquinare meno nelle città“.

Più in generale gli italiani vogliono una mobilità integrata e innovativa che semplifichi e velocizzi gli spostamenti, a dimostrazione di come la concezione del trasporto sta cambiando e si stia diffondendo sempre di più la mobilità condivisa. I nostri concittadini conoscono i servizi di sharing mobility, soprattutto nelle grandi città: il 76,8% dei romani e il 72,2% dei milanesi conoscono il car sharing, così come il bike sharing (rispettivamente il 62,4% e il 57,9%). Inoltre, il 95% di chi ha utilizzato questi servizi si dichiara soddisfatto.

La mobilità condivisa tuttavia non sembra avere un impatto sulle abitudini degli italiani: il 90,9% non le ha modificate e solo il 4,1% ha rinunciato all’unica auto di famiglia. Inoltre c’è un bisogno di intermodalità: oltre la metà degli italiani (53,9%) è interessata ad utilizzare un pacchetto trasporti o un’unica tessera che racchiuda mezzi e servizi necessari ai suoi spostamenti (bus, tram, metro, parcheggio, treno).

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

D
donato iacovone
E
EY
S
smart city
T
trasporti

Articolo 1 di 5