Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

COMPETENZE

Digitale ed export a misura di Pmi: al via il roadshow di Agenzia Ice

Organizzata in collaborazione con Intesa Sanpaolo e Piccola industria e giunta alla seconda edizione, l’iniziativa toccherà Torino, Varese, Pordenone, Ancona, Caserta e Cosenza: Sei le giornate di formazione previste per ogni tappa

02 Mar 2018

A. S.

Un percorso formativo su misura per le piccole e medie imprese italiane, che le metta in grado di ottenere il massimo dall’integrazione tra digital transformation e internazionalizzazione. E’ “digital4Export”, il roadshow presentato oggi a Torino da Agenzia Ice e realizzato in collaborazione con Intesa Sanpaolo e Piccola industria. Giunta alla sua seconda edizione, la manifestazione toccherà nel 2018 Torino, Varese, Pordenone, Ancona, Caserta, e Cosenza. Sei le giornate formative per ogni tappa, con scadenza quindicinale e la possibilità di accedere a 8 ore di consulenza aggiuntiva in risposta alle esigenze specifiche delle aziende che ne faranno richiesta.

“L’Ice ha puntato sempre di più sul digitale implementando negli ultimi due anni una strategia promozionale fondata sulla multicanalità – afferma Piergiorgio Borgogelli, direttore generale Ice – in cui la strategia di promozione dell’export attraverso i canali e-commerce è la punta di diamante dell’innovazione. Una strategia che poggia sui tre pilastri degli accordi con i marketplace, delle partnership con gli e-tailer e dell’incremento delle vendite digitali nelle azioni con la Gdo internazionale. Una piattaforma di lancio all’avanguardia per le Pmi italiane in cui le iniziative di formazione tradizionale si allacciano al training operativo, in sinergia costante con i nostri pilastri promozionali digitali, creando un ecosistema di education per costruire le competenze necessarie a colmare il gap dell’Italia sui canali e-commerce”.

“La nostra Banca reputa il capitale umano, quindi la formazione, un elemento intangibile fondamentale per l’accesso al credito – sottolinea Manuela Montagna, responsabile imprese banca dei territori Intesa Sanpaolo tanto da averlo inserito tra gli elementi qualitativi che concorrono all’assegnazione del rating. È questa in sintesi la motivazione con la quale abbiamo contribuito con convinzione a Digital4Export. Dalla prima edizione del programma, le cui tappe erano Torino, Brescia, Salerno, Treviso, Parma, Catania e Firenze, sono uscite importanti storie di successo. Imprese, spesso di piccole dimensioni, che hanno trovato sbocchi all’estero e scritto un nuovo capitolo della loro storia aziendale, anche in tempi molto brevi”.

“Lo scenario di veloce cambiamento del contesto competitivo in cui si trovano a dover operare le imprese italiane apre nuove opportunità ma rivoluziona anche il modo di fare impresa, trasformando la vita di ciascuno di noi – conclude Carlo Robiglio, presidente Piccola Industria Confindustria – Per questo è fondamentale mettere quante più aziende nelle condizioni di poter cogliere con successo le nuove occasioni che questi cambiamenti generano. L’obiettivo di Piccola Industria Confindustria è, infatti, quello di diventare il più grande laboratorio di crescita del Paese. Per questo, abbiamo rilanciato, potenziandolo, il percorso di alta formazione Digital4Export realizzato con l’Agenzia Ice e il Gruppo Intesa Sanpaolo e in collaborazione con alcune delle nostre Associazioni del Sistema. La finalità condivisa è potenziare il know how delle imprese italiane puntando sul digitale applicato ai processi di internazionalizzazione con l’obiettivo di rafforzare le strategie aziendali del nostro sistema produttivo”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5