L'OUTLOOK TRIENNALE

Digitale, il mercato italiano verso i 90 miliardi. Il cloud pilastro portante: +20%

Per quest’anno attesa una crescita del 3,8%. Nel 2025 si salirà del 4,8% e nel 2026 del 5%. Queste le stime di Anitec-Assinform. Il presidente Marco Gay: “Le nuove tecnologie si affermano come un alleato imprescindibile per realizzare gli obiettivi di sostenibilità ambientale, sociale ed economica”

Pubblicato il 25 Gen 2024

Domenico Aliperto

Marco Gay Digital Magics 2

Il mercato italiano del digitale si conferma anche nel 2023 in buona salute. In controtendenza rispetto al pil, in fase di rallentamento e con tutt’al più una crescita di pochi decimali, il giro d’affari legato alle soluzioni digitali dovrebbe segnare, secondo le stime, un aumento decisamente più sostenuto (+2,8%), con i Servizi Ict (+9%), Contenuti e pubblicità digitale (+5,9) e Software e soluzioni Ict (+5,8%) a trainare tutto il settore.

“Nel 2023, con la diffusione di soluzioni di AI generativa e di ChatGpt, l’intelligenza artificiale ha catturato l’attenzione di accademia, istituzioni, imprese e cittadini, ed è stata finalmente percepita come una tecnologia rivoluzionaria, capace di saldare abilità e attività diverse, di rendere accessibili soluzioni a sfide complesse, di potenziare l’uomo nelle sue capacità naturali”, commenta Marco Gay, presidente di Anitec-Assinform, l’associazione di Confindustria che raggruppa le principali aziende dell’Ict e che ha realizzato il report sull’andamento del mercato in collaborazione con NetConsulting cube. “Tecnologie come queste, oltre a big data, cloud e quantum computing, trasformeranno le nostre abitudini e i diversi settori produttivi del nostro Paese: dal Made in Italy, alla sanità, alla pubblica amministrazione. Faranno crescere non solo i settori, ma le filiere, portando le imprese ad aumentare di scala, di dimensione e di posizionamento internazionale”.

L’andamento del mercato e le previsioni di medio termine

Nei primi sei mesi del 2023, il mercato digitale ha fatto registrare un valore di 38.106 milioni di euro, con una crescita del +2,5% rispetto ai primi sei mesi del 2022. A ottenere l’incremento percentuale più sostenuto sono stati i settori dei Servizi Ict (+8,8%), spinti soprattutto dal mercato Cloud (+19,8%), i Contenuti e pubblicità digitale (+6%) e i Software e soluzioni Ict (+5,7%). Le stime hanno previsto una chiusura di 2023 su un valore di 79.209 milioni di euro per una crescita complessiva, come accennato, del 2,8%.

WHITEPAPER
Dall’AI TRiSM all’Intelligent Communication: esplora i 6 nuovi IT trend del 2024
DevOps
Cloud migration

Per gli anni successivi si ipotizzano performance ancora migliori: +3,8% nel 2024, +4,8% nel 2025 e +5% nel 2026, con un mercato che potrebbe superare i 90 miliardi di euro. Nel periodo 2024-2026 tutti i comparti sono previsti in crescita.

I digital enabler continuano a essere un elemento di traino straordinario per lo sviluppo del mercato digitale italiano, con l’intelligenza artificiale che farà registrare un tasso medio di crescita annua del 28,2% tra il 2023 e il 2026.

“Le dinamiche del mercato digitale”, prosegue Gay, “sono e saranno sempre più legate a fattori che influenzano l’interazione tra trasformazione digitale, economia e capitale umano, sostenibilità e nuovi rischi globali di natura cibernetica. Vogliamo immaginare un futuro dove cambieremo il modo in cui facciamo le cose e avremo sempre più bisogno di nuove e sofisticate competenze. Cresce la domanda di profili specialistici in ambito digitale, dal developer al cloud architect, ma soprattutto cresce la domanda di figure traversali, capaci di leggere la complessità in cui operano le aziende e valorizzare il ruolo del digitale per supportare la loro operatività. Le nuove tecnologie si affermano come un alleato imprescindibile per realizzare gli obiettivi di sostenibilità ambientale, sociale ed economica che ci siamo prefissati”.

Focus su cybersecurity e PA digitale

Il Rapporto sul “Digitale in Italia” contiene anche un capitolo sulla Cybersicurezza e un approfondimento dedicato alla digitalizzazione della PA. In particolare, secondo Anitec-Assinform, nel 2023 si è avuto un ulteriore aumento degli attacchi informatici; a destare maggiori preoccupazioni sono gli impatti in termini di danni procurati. La spesa per Cybersecurity in aumento (+13%) conferma il ruolo fondamentale che ricopre per supportare l’evoluzione digitale delle aziende. La crescita maggiore si sta verificando nel segmento dei Servizi di sicurezza gestiti (Mss), mentre è nella Sanità (+18,7%) e nella Pubblica Amministrazione, sia a livello centrale (+12,7%) che locale (+13,7%), che si riscontra il maggior interesse per le soluzioni di sicurezza informatica.

In generale, la PA rappresenta uno dei principali attori del mercato digitale, sia per la dimensione della spesa che per le dinamiche di crescita che lo caratterizzano. Per il 2023 è prevista una crescita complessiva del +9,1%, con un corrispondente valore del mercato digitale nella PA di quasi 8 miliardi di euro.

“Il 2024”, dice Gay, “sarà un anno cruciale per il nostro Paese: avremo la leadership del G7, si rinnoveranno le Istituzioni europee e l’andamento del Pnrr sarà più nitido e definito tanto sul piano dei progetti che su quello delle riforme. Sarà questo l’anno in cui dovremo dimostrare di aver compreso la “lezione” che da sempre l’innovazione ci offre: l’innovazione, infatti, non si ferma, ma possiamo decidere quanto sfruttarla. Ecco perché”, chiosa il presidente di Anitec-Assinform, “abbiamo oggi il dovere di essere coraggiosi e determinati per affermare una nostra leadership nel campo dell’innovazione digitale, sfruttando le tante intelligenze presenti nel nostro Paese – dall’impresa all’accademia – proiettandoci come protagonisti e partner dello sviluppo tecnologico, impegnandoci per assicurare competenze trasversali e specifiche che coniughino il nostro immenso patrimonio di conoscenza con le innovazioni alla frontiera”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articolo 1 di 5