Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

IL PIANO

Digitale taglia-burocrazia, via libera al Patto per la Semplificazione

La Conferenza Unificata ha approvato la strategia 2019-2021 con la quale governo e Regioni si impegnano a mettere in campo azioni per razionalizzare le procedure a carico delle aziende: in arrivo il fascicolo informatico dell’impresa

26 Lug 2019

F. Me

Via libera delle Regioni al Patto per la Semplificazione. La Conferenza Unificata ha infatti approvato la strategia 2019-2021 con il quale il Governo, le Regioni, le Province, le Città metropolitane e i Comuni “si impegnano per una politica di riforma della burocrazia fondata su semplificazione e digitalizzazione, razionalizzando l’insieme dei procedimenti nella prospettiva di ridurre i tempi e i costi complessivi per il destinatario”, spiega la ministra della PA, Giulia Bongiorno. 

Quattro gli interventi chiave:

  1. Realizzazione del Fascicolo Informatico di Impresa attraverso l’interoperabilità dei Suap. A fronte della forte disomogeneità dei Suap presente nel territorio nazionale, l’adozione di standard comuni consentirà per la prima volta di far dialogare i sistemi informativi esistenti. “La digitalizzazione sarà preceduta da interventi di semplificazione a vantaggio di una modalità intelligente ed efficace di gestione dei procedimenti e di accesso condiviso da parte di tutte le amministrazioni ai dati presenti presso ciascun sistema informativo”, spiega Bongiorno.
  2. Istituzione del Portale informativo delle imprese. Tutte le informazioni utili alle imprese per aprire e svolgere la propria attività saranno accessibili da un unico portale web collegato a quelli già esistenti, organizzate per i principali “eventi della vita” delle imprese, comprensibili e semplificate. “I lavori per la realizzazione del portale – dice la ministra – mirano a mettere a sistema le migliori esperienze già realizzate sul territorio italiano e ad agevolare le amministrazioni nell’adeguamento al Regolamento U e2018/1724 sulla istituzione dello Sportello unico digitale”.
  3. Semplificazione dei controlli sulle imprese per renderli trasparenti e più efficaci. Si avvia un nuovo programma di semplificazione e razionalizzazione per migliorare l’efficacia e la qualità dei controlli, a partire da due aree molto rilevanti in termini di oneri amministrativi per le imprese: igiene e sicurezza degli alimenti e sicurezza sul lavoro. Saranno individuati strumenti efficaci di coordinamento delle attività e modalità operative per realizzare un sistema informativo unico nazionale.
  4. Estensione della standardizzazione della modulistica d’impatto sull’attività d’impresa, con riferimento a tipologie di procedimenti, d’interesse sia per le imprese sia per i cittadini, per assicurare semplificazione, chiarezza e trasparenza. Tutta la modulistica sarà digitalizzata per garantire la piena interoperabilità tra amministrazioni.
@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

B
burocrazia
G
Giulia Bongiorno
I
imprese

Articolo 1 di 3