Digitalizzazione, l’Europa recupera terreno: 8 Paesi battono le performance Usa - CorCom

IL REPORT DELLA BEI

Digitalizzazione, l’Europa recupera terreno: 8 Paesi battono le performance Usa

La pandemia ha messo il turbo alla macchina degli investimenti e anche se permane il divario con gli Stati Uniti si registra un netto cambio di passo. Risultati record per Spagna, Portogallo, Belgio, Svezia, Finlandia, Paesi Bassi e Danimarca. E il Vecchio Continente primeggia negli investimenti green-digital

21 Lug 2021

Mila Fiordalisi

Direttore

L’Europa recupera terreno sugli Usa sul fronte digitalizzazione. E anche se il divario rimane sono 8 i Paesi Ue che hanno sovra-performato rispetto agli Stati Uniti nell’anno della pandemia. È quanto emerge dal report della Bei (la Banca europea degli Investimenti) “Digitalisation in Europe 2020-2021: Evidence from the Eib Investment Survey” (scarica qui il report completo).

Nel 2020 il 37% delle imprese europee non aveva ancora adottato alcuna tecnologia digitale avanzata, rispetto al 27% degli Stati Uniti. Un dato preoccupante considerato che la mancata adozione delle tecnologie digitali rischia di ostacolare la competitività delle imprese europee nel lungo termine, poiché le imprese digitali tendono a ottenere prestazioni migliori rispetto a quelle non digitali: investono di più, sono più innovative, hanno pratiche di gestione migliori, crescono più velocemente e creano posti di lavoro più remunerativi. Le aziende digitali hanno anche maggiori probabilità di investire nella lotta alla transizione e ai rischi fisici del cambiamento climatico.

“La pandemia ci ha mostrato i vantaggi dell’essere digitali. Ecco perché dobbiamo preoccuparci della lentezza della digitalizzazione da parte delle imprese dell’UE. Il divario con gli Stati Uniti non solo mette a rischio la nostra competitività a lungo termine. Un settore digitale europeo debole significa anche che non avremo la proprietà dei nostri dati”, commenta il vicepresidente della Bei Ricardo Mourinho Félix. “La crescente digitalizzazione dovrebbe quindi essere un caposaldo della ripresa. Con la Bei, i responsabili delle politiche dell’UE hanno a disposizione uno strumento efficiente per sostenere la digitalizzazione a tutti i livelli: dagli investimenti in infrastrutture digitali ad alta velocità al sostegno alle startup e ai finanziamenti per le piccole e medie imprese o imprese. Siamo pronti a fare di più”.

Le imprese europee leader nel green-digital

Ma se è vero che le imprese dell’Ue sono complessivamente in ritardo rispetto alle omologhe statunitensi nell’adozione e nella creazione di nuove tecnologie digitali, l’Europa eccelle in un settore: l’intersezione tra tecnologie verdi e digitali.

quiz
[QUIZ] Sei pronto per garantire una customer connection eccellente?
CRM
Digital Transformation

Mentre gli Stati Uniti hanno chiaramente una quota maggiore di aziende digitali rispetto all’Unione Europea, l’Europa è leader per le aziende che stanno investendo per affrontare la transizione e i rischi fisici del cambiamento climatico o abbracciando la combinazione di investimenti nel clima e nel digitale.

L’Unione Europea primeggia rispetto agli Stati Uniti per la quota di imprese che investono sia nel clima che nel digitale (32%, contro 28%). Anche la quota di imprese che investono solo sul clima (ma non sul digitale) nell’Unione Europea è quasi tre volte superiore a quella degli Stati Uniti (14% contro 5%).

“Per accelerare il ritmo della digitalizzazione, dovremmo concentrarci su tre elementi: un ecosistema abilitante, compresa la disponibilità di competenze digitali, il giusto tipo di supporto finanziario per gli investimenti e una visione europea per contrastare gli squilibri digitali che esistono in tutta l’Unione europea. L’Europa deve farne una priorità”, sottolinea la capo economista della Bei Debora Revoltella. “Oltre a strumenti finanziari più diversificati, dobbiamo continuare a lavorare su un contesto di mercato dell’UE ben funzionante, competitivo e integrato che spinga le aziende a investire di più nelle tecnologie digitali più avanzate. Dobbiamo anche rivedere le normative che impediscono alle aziende di crescere e raggiungere le dimensioni necessarie per l’adozione di successo delle tecnologie digitali all’interno delle loro attività”.

L’indice di digitalizzazione aziendale

Nel nuovo report della Bei anche l’indice di digitalizzazione aziendale, una classifica transnazionale degli sforzi per l’adozione del digitale nei paesi dell’UE e negli Stati Uniti. L’indice mostra che, in media, l’Unione europea ha performato peggio degli Stati Uniti nelle prime fasi del Covid nel 2020. Tuttavia, ci sono stati diversi paesi dell’UE che hanno sovraperformato gli Stati Uniti: Spagna, Portogallo, Belgio, Svezia, Finlandia, Paesi Bassi e Danimarca.

La quota delle imprese digitali nell’Unione Europea e negli Stati Uniti è inoltre aumentata rispetto ai risultati dell’indice dello scorso anno. Nel 2020 solo il 63% delle imprese dell’Ue aveva implementato almeno una tecnologia digitale, rispetto al 73% negli Stati Uniti. Tuttavia, l’Unione europea non sta colmando il suo divario digitale con gli Stati Uniti. Le imprese europee implementano meno spesso le tecnologie dell’internet delle cose e sono in ritardo soprattutto nel settore delle costruzioni. Inoltre, le imprese dell’Ue tendono a percepire più spesso l’infrastruttura digitale come uno dei principali ostacoli agli investimenti.

Le piccole imprese, spina dorsale dell’economia europea

Il divario digitale dell’Unione europea con gli Stati Uniti è particolarmente grave per le imprese più piccole con meno di 50 dipendenti. Nell’Unione Europea, il 60% delle microimprese (da cinque a nove dipendenti) non ha implementato alcuna tecnologia digitale, mentre il 75% delle grandi imprese (con più di 250 dipendenti) è già digitale. La relazione tra dimensione aziendale e tassi di adozione del digitale è osservabile in tutti i settori.

Un fattore chiave che contribuisce alla lenta adozione della digitalizzazione da parte delle piccole imprese è la mancanza del giusto insieme di competenze per abbracciare queste nuove tecnologie. Sebbene la mancanza di accesso ai finanziamenti non rappresenti un grave ostacolo agli investimenti nell’Unione europea, può rappresentare un ostacolo all’adozione delle tecnologie digitali per le piccole imprese.

Le microimprese e le piccole e medie imprese sono la spina dorsale dell’economia europea e rappresentano il 99% di tutte le imprese e oltre i due terzi dell’occupazione nell’Unione europea, a fronte di poco più del 40% dell’occupazione negli Stati Uniti. Pertanto, la differenza nel numero di piccole imprese contribuisce al divario di digitalizzazione tra le due economie.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4