Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

RIGHT TO BE FORGOTTEN

Diritto all’oblio, gli italiani chiedono di cancellare le news

Google pubblica il rapporto annuale sul monitoraggio dell’adempimento alla legge voluta dall’Europa nel 2014. In 3 anni 2,4 milioni di richieste di rimozione. Il nostro Paese nella media europea, ma spicca per la quantità di domande di eliminazione di articoli su testate giornalistiche

27 Feb 2018

Sono 200mila le richieste arrivate a Google dall’Italia per far valere il diritto all’oblio. Emerge dal rapporto trasparenza dell’azienda che da quest’anno fornisce anche dati triennali sull’assolvimento del “Right to be forgotten” voluto dall’Europa nel 2014.

Il nostro Paese occupa la metà classifica della Top Ten europea, quanto a richieste di cancellazione di Url dal motore di ricerca. I Paesi più “accaniti” sono la Francia (20%), la Germania (17%), la Gran Bretagna (13%). La Grecia ha avanzato il numero minore di richieste. Nel complesso Google ha ricevuto oltre 2,4 milioni di richieste.

I nuovi dati mostrano anche la percentuale di richieste avanzate da singoli, governi e aziende. Viene “censito” anche il motivo della richiesta, il contenuto del sito a cui si fa riferimento, il tasso di eliminazione del contenuto.

Pur essendo “moderatamente”interessata alla rimozione di file, l’Italia emerge però, insieme al Regno Unito, come Paese da cui arrivano più richieste – rispetto ad altri – di rimozione di articoli usciti sui giornali (32% contro l’11% della Francia). In particolare, secondo Google, il 23% di richieste riguardano articoli usciti sulla Repubblica. Meno richieste, rispetto agli altri Paesi, per informazioni personali contenute sui social.

Al top delle ragioni dietro le richieste (85%) le “informazioni professionali”. Circa un terzo delle richieste di rimozione riguardano i social media e i servizi di directory che contenevano informazioni personali, mentre circa il 21% riguarda le Url di notizie e siti web governativi il cui contenuto in genere riguardava la storia legale di qualcuno.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

G
google
O
Oblio

Articolo 1 di 5