L’INTERVENTO

Draghi: “Con la pandemia il digitale è diventato una necessità”

L’ex presidente della Bce al Meeting di Rimini: “Dopo l’accelerazione dovuta all’emergenza Covid-19 rimarrà una caratteristica permanente della nostra società. Negli Usa si stima che il 20% del lavoro si sposterà definitivamente dagli uffici alle abitazioni”

18 Ago 2020

A. S.

L’accelerazione impressa dall’emergenza Coronavirus alla digitalizzazione della società è destinata a consolidarsi nei prossimi mesi e nei prossimi anni, e lo smart working rimarrà un elemento fondamentale delle nostre abitudini. A sostenerlo è l’ex governatore della Banca d’Italia ed ex presidente della Bce, Mario Draghi, che ha parlato oggi al Meeting di Rimini. “La digitalizzazione, imposta dal cambiamento delle nostre abitudini di lavoro, accelerata dalla pandemia – afferma Draghi – è destinata a rimanere una caratteristica permanente delle nostre società. È divenuta necessità: negli Stati Uniti la stima di uno spostamento permanente del lavoro dagli uffici alle abitazioni è oggi del 20% del totale dei giorni lavorati”.

Quanto alla situazione economica e alla crisi scatenata dall’emergenza, “Il ritorno alla crescita e la sostenibilità delle politiche economiche sono essenziali per rispondere al cambiamento nei desideri delle nostre società – sottolinea Draghi – a cominciare da un sistema sanitario dove l’efficienza si misuri anche nella preparazione alle catastrofi di massa. La protezione dell’ambiente, con la riconversione delle nostre industrie e dei nostri stili di vita, è considerata dal 75% delle persone nei 16 maggiori Paesi al primo posto nella risposta dei governi a quello che può essere considerato il più grande disastro sanitario dei nostri tempi”.

360digitalskill
Diventa un leader digitale: crea il percorso per te e il tuo team
Risorse Umane/Organizzazione
Smart working

Durante il suo discorso Draghi ha inoltre sottolineato l’importanza di investire sui giovani: “Vi è però un settore, essenziale per la crescita e quindi per tutte le trasformazioni che ho appena elencato, dove la visione di lungo periodo deve sposarsi con l’azione immediata: l’istruzione e, più in generale, l’investimento nei giovani – avverte – Questo è stato sempre vero, ma la situazione presente rende imperativo e urgente un massiccio investimento di intelligenza e di risorse finanziarie in questo settore. La partecipazione alla società del futuro richiederà ai giovani di oggi ancor più grandi capacità di discernimento e di adattamento”.

“Il debito creato con la pandemia è senza precedenti e dovrà essere ripagato principalmente da coloro che sono oggi i giovani – conclude – E’ nostro dovere – far sì che abbiano tutti gli strumenti per farlo pur vivendo in società migliori delle nostre. Per anni una forma di egoismo collettivo ha indotto i governi a distrarre capacità umane e altre risorse in favore di obiettivi con più certo e immediato ritorno politico: ciò non è più accettabile oggi. Privare un giovane del futuro è una delle forme più gravi di diseguaglianza”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 2