Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

MONTECITORIO

E-book, appello bipartisan: “Iva al 4% con la legge di stabilità”

A firmare l’emendamento tra gli altri i deputati Gianfranco Librandi (Sc) e Pierpaolo Vargiu, presidente della Commissione Affari sociali della Camera. Intanto prosegue sui Twitter, Facebook e Instagram la campagna degli editori italiani #unlibroèunlibro

10 Nov 2014

Antonello Salerno

La campagna è partita alla fine di ottobre, facendo leva anche sui social media, con un hashtag su Twitter, #unlibroèunlibro, e con profili su Facebook e Instagram. E da allora cittadini, amanti della lettura e addetti ai lavori si sono mobilitati online per sostenere la necessità di abbassare l’aliquota iva applicata sui testi digitali (al 22%) equiparandola con quella per i libri cartacei (al 4%).

E sul tema è arrivato anche un emendamento bipartisan alla legge di stabilità, firmato tra gli altri anche da Gianfranco Librandi deputato di Scelta civica, e Pierpaolo Vargiu, presidente della commissione Affari sociali a Montecitorio.

“Come sostiene la campagna in corso sui social network – affermano i due parlamentari in una nota – anche per noi #unlibroèunlibro: per questo abbiamo presentato un emendamento alla Legge di Stabilità per portare l’Iva sulle pubblicazioni in formato elettronico, a partire dagli e-book, dal 22 al 4%, uniformandola a quella applicata alle pubblicazioni su supporto cartaceo”. “Con il nostro emendamento – concludono – stabiliamo un principio generale secondo cui, per ogni tipo di pubblicazione che beneficia di aliquote ridotte, l’Iva è uguale a prescindere dal supporto utilizzato”.

Say NO to ebook discrimination” è lo slogan scelto dagli editori italiani per questa battaglia: chi la sostiene è invitato a scattarsi una foto con il pollice verso a testimoniare il proprio dissenso rispetto alla disparità di trattamento tra le due tipologie di pubblicazione.

Il contesto è quello che vede gli e-reader diffondersi velocemente: nel 2013 quelli acquistati sono stati 2,4 milioni (+34,2%), i tablet 6,3 milioni (+65,7%) e gli smartphone 26,2 milioni (+43%), mentre cresce anche il tempo che gli italiani passano utilizzando questi device.

“In un Paese dove leggono almeno un libro l’anno poco più di 4 italiani su dieci (il 43% secondo Istat), intercettare lettori e non lettori attraverso i dispositivi che utilizzano maggiormente è la sfida da vincere per riuscire ad aumentare gli indici di lettura. Perché allora l’Europa tratta e-book e libri in termini differenti dal punto di vista fiscale? Un libro è un libro – sostengono dall’Aie – indipendente dal supporto dal quale un lettore lo legge. Penalizzare l’e-book è penalizzare l’innovazione e la lettura”.

“L’Associazione si è fatta portavoce di tutto il mondo del libro, dagli autori ai lettori – sottolineava Marco Polillo, presidente dell’Aie, presentando la campagna – Questa è l’opportunità per cambiare, tutti insieme, le decisioni dell’Europa visto che sino a dicembre l’Italia ha la presidenza dell’Unione europea. Useremo ogni occasione per coinvolgere gli italiani – da Bookcity a Più libri più liberi, dalle piazze fisiche a quelle virtuali, e tutti i lettori europei per chiedere al nostro Governo di convincere l’ Europa che un libro è un libro”.

Articolo 1 di 5