Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

LA RICERCA

E-commmerce, inizia l’era della app

NetRetail: gli utenti che usano applicazioni per fare shopping sono aumentate in un anno dal 20% al 23%. Liscia (Netcomm): “A farla da padrone sono gli smartphone, per importi e frequenza di acquisti”

03 Nov 2014

A.S.

Un italiano su quattro, tra quelli che fanno acquisti online, per comprare ciò di cui ha bisogno utilizza un’applicazione. Tra i quasi 16 milioni di acquirenti online degli ultimi tre mesi, il 18% ha fatto almeno una volta shopping con un’app su smartphone e l’11% almeno un acquisto utilizzando un’app su tablet. Più in generale, la quota di acquirenti da applicazioni, sul totale di quelli online, è passata dal 20% al 23%.

A testimoniarlo sono i dati relativi del terzo trimestre 2014, di NetRetail nell’indagine commissionata da Netcomm, il Consorzio del commercio elettronico italiano che raggruppa oltre 150 realtà del settore.
“L’esperienza di acquisto via app si sta diffondendo con una velocità impressionante e a farla da padrone sono gli smartphone – afferma Roberto Liscia, presidente di Netcomm – Si tratta di un segmento di consumatori molto interessanti da rilevare, in quanto acquistano con importi medi più elevati e con frequenza maggiore della media. In termini più generali, oggi possiamo parlare di un vero e proprio ‘Superconsumatore’: grazie al suo comportamento multicanale in qualsiasi momento della giornata può accedere alle informazioni attraverso tutti i mezzi, dallo smartphone alla vetrina di un negozio”.
Secondo il report oltre 100 milioni di nuove esperienze di acquisto online saranno prodotte nel corso del 2014, e lo smartphone si presenta come una “cerniera di connessione” tra la vetrina di un negozio e il “touch screen”.

Argomenti trattati

Approfondimenti

N
Netcomm
R
roberto liscia

Articolo 1 di 5