ASSOSOFTWARE

E-fattura, Mariotti: “Ora spingere sulle imprese”

Il presidente di Assosoftware: “Il progetto italiano per la PA modello anche per l’Europa”. E annuncia: “Presto una piattaforma B2B”

06 Giu 2014

F.Me.

Assosoftware in campo per la fatturazione elettronica. A seguito dell’entrata in vigore del punto della riforma digitale del Governo che rende obbligatoria la fatturazione elettronica per la Pubblica amministrazione, il presidente di Assosoftware, Bonfiglio Mariotti ricorda che l’associazione da anni segue con attenzione ogni evoluzione sul tema della fatturazione elettronica.

“Oggi, grazie a questa iniziativa, l’Italia si pone ai primi posti in Europa per l’uso della Fatturazione Elettronica e può diventare un modello di best practice anche per gli altri Paesi, soprattutto in concomitanza del semestre di Presidenza italiana dell’Unione Europea – sottolinea Mariotti – Come Assosoftware siamo pronti, con l’eccellenza dei nostri soci, a presentare una Piattaforma nazionale per la fatturazione elettronica per far sì che il vantaggio della riforma possa avere importanti ricadute anche sulle imprese”.

Assosoftware, che proprio nel 2014 compie 20 anni di attività, presenterà la propria piattaforma in occasione dell’Assemblea annuale dei soci che si terrà lunedì 23 Giugno 2014 alla Comunità di San Patrignano nei pressi di Rimini.

EVENTO - 2 NOVEMBRE 09:30
Cambiare la Pa per cambiare il paese
PA

La piattaforma nazionale per la fatturazione elettronica B2B e B2G integrata con i sistemi gestionali Erp italiani permette di moltiplicare gli effetti di obbligo verso la PA rendendo vantaggioso e conveniente lo scambio di documenti elettronici anche tra imprese. La perfetta automazione delle informazioni da e verso i sistemi gestionali e l’integrazione dei sistemi di incasso/pagamento e di conservazione dei documenti renderà più efficiente l’attività delle aziende con enormi benefici per tutto il sistema Paese, favorendo anche la trasparenza tributaria e la lotta all’evasione.

“Questo passo dimostra una reale volontà di cambiamento della Pubblica amministrazione, che accogliendo la nuova riforma
dimostra di essere in linea con i tempi europei e più vicina alle aziende, che oggi più che mai hanno bisogno di segni concreti di cambiamento finalizzati alla ripresa – ­ conclude Mariotti – È nostro auspicio poter descrivere ai rappresentanti del Governo i nostri progetti che siamo certi sapranno essere di grande aiuto a questa positiva evoluzione”.