Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

PAGAMENTI ELETTRONICI

E-payment, scende in campo JP Morgan: sfida ad Apple e Paypal

La banca d’affari americana lancerà il proprio sistema di pagamenti mobile: oltre 90 milioni i consumatori coinvolti. Grandi store negli Usa hanno già aderito al nuovo circuito

28 Ott 2015

Andrea Frollà

La sfida dell’e-payment si arricchisce di un nuovo player. La più grande banca d’affari americana, JP Morgan, si appresta infatti a mandare online il sistema di pagamenti mobile sviluppato in proprio. I 94 milioni di persone titolari di carte di credito, prepagate e bancomat della JP Morgan potranno pagare in oltre 100mila negozi che aderiranno al circuito messo in piedi dalla banca statunitense. Grandi catene commerciali come Best Buy, Kmart e Wal-Mart hanno già dato aderito e i clienti pagheranno tirando fuori solo il proprio cellulare.

Il servizio, che si chiamerà Chase Pay, sarà disponibile via app sia per iOs sia per Android, ma anche tramite l’app CurrentC che centralizza i programmi fedeltà e gli sconti offerti dai negozi. Proprio su quest’ultimo aspetto, che va oltre la semplice strisciata delle propria carta per pagare, si concentra il vantaggio competitivo di Chase Pay rispetto ai servizi già esistenti.

Tempi duri per Apple, Paypal e Samsung? Come sempre saranno i consumatori a decidere della bontà di un nuovo servizio: il Natale alle porte potrebbe essere per Jp Morgan il primo vero banco di prova.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link

Articolo 1 di 3