Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

E’ un manager di Microsoft il nuovo Ceo di Nokia

Fine dell’era Kallasvuo. A Stephen Elop, ex capo della divisione Business di Redmond, l’arduo compito di rilanciare la sfida sugli smartphone e di battere Apple

10 Set 2010

Cambio al vertice di Nokia. La casa finlandese ha nominato il nuovo
Amministratore delegato che prenderà il posto di Olli-Pekka
Kallasvuo a partire dal 21 settembre. A guidare la società sarà
Stephen Elop, finora responsabile della divisione Business di
Microsoft, a cui spetterà anche l’arduo compito di risalire la
china dopo le perfomance deludenti della gestione Kallasvuo.
Laureato in Ingegneria Informatica alla McMaster University di
Hamilton (Canada), prima di entrare in Microsoft, il manager ha
ricoperto ruoli di responsabilità in Juniper Networks, Adobe
Systems e Macromedia.

Il manager, spiega il presidente della società Jorma Ollila in una
nota ufficiale, “possiede l'esperienza e le caratteristiche
necessarie per guidare l'azienda nella nuova fase: al suo
attivo ha infatti un forte background nel software e una provata
capacità nei cambiamenti di gestione”.

Dopo l'annuncio, il titolo Nokia ha registrato un rialzo del 6%
alla Borsa di Helsinki.

In conformità con i termini e le condizioni del suo contratto di
servizio – fa sapere la società – l’attuale Ceo Kallasvuo, che
lascerà il timone il 20 settembre, ha diritto ad una indennità è
composto da 18 mesi di stipendio base lordo e incentivi che
ammontano a circa 4,6 milioni di euro. Egli riceverà anche a
titolo di risarcimento 100mila azioni delle società.

Dal 2006, anno della sua nomina, ad oggi Kallasvuo non è riuscito
a raggiungere i risultati sperati, ovvero sviluppare un prodotto
innovativo in grado di competere con gli smartphone targati Apple o
Rim. Per arginare l’avanzata dell’iPhone e del BlackBerry
l’azienda è stata costretta ad abbassare i prezzi sacrificando,
però, i profitti.

I commenti sono chiusi.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link