Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

LA RILEVAZIONE

Ecco i connected ceo d’Italia: sono 28, tutti maschi, età media 56 anni

La classifica di Brunswick Group elaborata sui 221 manager a capo di società quotate in Borsa. Linkedin il social più usato. Solo in 5 su Facebook e Instagram. Utilities, Industrial Good & Services e Media le tre industry più rappresentate

24 Ott 2019

Poco più della metà dei ceo delle aziende italiane quotate in Borsa, il 55%, è presente su almeno un social media, superando la percentuale dei Paesi anglosassoni pari al 48%, ma solo il 15% degli italiani ha una gestione attiva del proprio profilo su almeno un canale social, contro il 25% nei Paesi anglosassoni. È quanto emerge dalla ricerca Connected Leadership a cura della società di consulenza Brunswick Group, volta ad analizzare la presenza digital e social dei ceo delle principali società quotate nel mondo.

Brunswick ha messo sotto la lente i leader delle aziende quotate alla Borsa Italiana, sugli indici borsistici FTSE Mib, Mid Cap & Small Cap, dopo aver esaminato la presenza digital e social dei ceo delle aziende quotate in Regno Unito, Stati Uniti e Paesi nordici. 221 i manager finiti nel mirino. LinkedIn è il canale principale con il 53% di leader italiani presenti mentre viene usato dal 44% degli anglosassoni. Il secondo canale è Twitter, con la presenza del 5% dei ceo italiani contro un 12% in Regno Unito e Stati Uniti. Infine, solo cinque ceo sono presenti su Instagram e due su Facebook con una pagina ufficiale.

Sul fronte digital il 66% dei ceo in Italia ha una biografia sul sito della propria azienda, mentre nei Paesi anglosassoni la percentuale sale al 98% e solo il 21% ha una pagina Wikipedia, meno della metà rispetto al 44% dei ceo in Regno Unito e Stati Uniti.

“L’importanza di un’accurata presenza digitale dei ceo – evidenzia Brunswick –  è motivata dal crescente interesse da parte della comunità finanziaria verso l’uso dei social media. La Digital Investor Survey realizzata tra analisti sell-side e buy-side in Europa, Stati Uniti e Asia, evidenzia come i social media siano sempre più usati come fonte informativa e come base per decisioni di investimento: ben il 49% degli investitori a fine 2018 ha dichiarato di seguire i profili LinkedIn dei ceo per conoscerli meglio e valutarne l’operato. Questo dato è in netta crescita del 21% rispetto all’anno precedente. Linkedin infatti è il Social network ritenuto più affidabile come mezzo per ottenere informazioni preceduto tra i canali puramente digitali solo dai motori di ricerca e Wikipedia”.

Chi sono i Connected Leader d’Italia

Ma chi sono i Connected Leader in Italia? Sono 28, hanno un’età media di 56 anni e sono tutti uomini. Utilities, Industrial Good & Services e Media sono le tre industrie più rappresentate tra i Connected Leader in Italia. Tra questi ceo spiccano per numero di presenza attiva sui social, contenuti prodotti e interazioni ricevute Nerio Alessandri (Technogym), Marco Alverà (Snam), Luca Valerio Camerano (A2A), Stefano Cao (Saipem), Luigi Capello (LVenture) Claudio Descalzi (Eni), Philippe Donnet (Assicurazioni Generali), Andrea Gibelli (FNM), Corrado Passera (Illimity) e Francesco Starace (Enel). Sulla base dell’analisi delle loro caratteristiche, i ceo sono stati raggruppati in quattro categorie: Connected, Available, Visible e Potential.

Connected sono attivi su almeno un canale social e hanno una pagina Wikipedia o una biografia sul sito aziendale;  Available sono presenti su almeno un canale social e hanno una pagina Wikipedia o una biografia sul sito aziendale; Visible hanno una pagina Wikipedia o una biografia sul sito corporate; Potential non sono presenti su nessun canale social, né hanno una pagina Wikipedia o una biografia sul sito dell’azienda.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 2