Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Ecco l’iPhone 4G. In Italia debutto a luglio

Il nuovo smartphone di Apple ha funzionalità vicine a quelle di un pc. Con Facetime si potrà videochattare. Un’innovativa videocamera consentirà di filmare in Hd

08 Giu 2010

Minuscolo, con un design ancora più accattivante, ma soprattutto
dotato di funzionalità più simili a quelle di un Pc. È
l’iPhone4 che ieri Steve Jobs ha presentato – anche se ci ha
tenuto a specificare che “molti lo avranno già visto”, facendo
riferimento allo scoop del sito Web Gizomodo che due mesi fa ne
aveva pubblicato le immagini – alla Worldwide Developers
Conference di San Francisco.

Dallo spessore di appena 9,3 millimetri e ancora più elegante
grazie alla superficie in vetro, l’iPhone4 è dotato di un
processore sviluppato da Cupertino, montato anche sull’iPad, e di
una serie di novità, come il flash e la fotocamera frontale per le
videochiamate: Facetime – questo il nome della videochat – per ora,
è disponibile solo attraverso la connessione WiFi.

Il multitasking permette di usare contemporaneamente più
programmi; la funzionalità sarà disponibile con un aggiornamento
del software anche sui modelli 3Gs, in vendita a un prezzo più
basso. Infine è stata inserita un’applicazione per registrare e
montare video in HD, grazie alla fotocamera “rinforzata” a 5
megapixel. Il device resiste anche di più: la nuova batteria dura
il 40% in più e permette 7 ore di conversazione.

Il Melafonino di quarta generazione debutterà sul mercato Usa il
24 giugno (gli italiani dovranno aspettare fino a luglio) a un
costo di 199 dollari per il modello base a 16 Gb e di 299 per
quello a 32 Gb. Vanno poi considerate le agevolazioni che gli
operatori offrono per sostituire il vecchio iPhone.

Al di là delle novità tecnologiche introdotte, quello che va
senza dubbio sottolineato è che l’iPhone4 rappresenta una forte
sfida al nemico numero uno, Android di Google. Una sfida giocata
tutta sul mercato pubblicitario mobile che, negli Usa, raggiungerà
un volume d’affari pari a 250 milioni di dollari nel 2010.

Non è un caso ieri che, contestualmente alla presentazione del
nuovo device, Jobs abbia ricordato come la nuova piattaforma
pubblicitaria iAd sia in grado di “combinare le emozioni
dell’advertising televisivo all’interattività del Web,
offrendo nuovi strumenti agli inserzionisti”.  A otto settimane
da suo lancio iAd ha già portato ad Apple il 48% del mobile
advertising.

Ma le novità in casa Apple non si fermano all'iPhone 4G.
L'azienda ha rilasciato Safari 5, il nuovo browser di
navigazione che
migliora la velocità, introduce l'opzione e-reader e, non
ultimo, rilancia la sfida a Flash di Adobe.
"Safari 5 promette di caricare le pagine con una rapidità
superiore del 30% rispetto al suo predecessore – fanno sapere da
Cupertino -. E'  veloce il doppio rispetto al rivale Firefox
3.6 di Mozilla e il 3% in più rispetto a Chrome di
Google".

Il browser introduce l'opzione e-reader per facilitare la
lettura. Cliccando sul tasto ''Reader'' nella barra
degli indirizzi, il testo che si sta leggendo compare in un
riquadro in primo piano, senza pubblicità ed immagini, con la
possiblità di regolare la grandezza dei caratteri, stampare il
testo o inviarlo via e-mail.
Sulla scia della sfida a Flash, Safari 5 supporta  il nuovo
linguaggio Html5 per la progettazione di pagine web, che
consentirà agli sviluppatori esterni di creare ''contenuti
multimediali più ricchi''. E senza la necessità di usare
il software di Adobe.