Amazon razionalizza il delivery rapido: addio Prime Now, ora consegne veloci dal sito ufficiale - CorCom

LA NOVITA'

Amazon razionalizza il delivery rapido: addio Prime Now, ora consegne veloci dal sito ufficiale

Lanciato nel 2014 per consentire ai membri premium di ottenere alimentari e altri beni in una o due ore, il servizio si trasferirà sulla piattaforma principale per rendere l’esperienza di acquisto più comoda

24 Mag 2021

Veronica Balocco

Amazon chiuderà entro la fine dell’anno le sue piattaforme Prime Now autonome e indirizzerà gli utenti che desiderano una consegna rapida di generi alimentari e altri beni verso la app o il sito web ufficiale Amazon. In particolare, la consegna della spesa in due ore sarà disponibile tramite le sezioni Amazon Fresh o Whole Foods, mentre, eventuali rivenditori di terze parti o negozi presenti sull’app Prime Now (come Bartell Drugs, catena di farmacie di Seattle, o Union Square Wines & Spirits di New York City) verranno trasferiti su Amazon.

“Per rendere questa esperienza ancora più semplice per i clienti, stiamo spostando l’esperienza da un’app Prime Now separata all’app e al sito web di Amazon, in modo che i clienti possano acquistare tutto ciò che la società ha da offrire da un’unica comoda posizione”, ha affermato Stephenie Landry, vicepresidente Grocery ad Amazon.

Servizio in 5mila città e Paesi

Amazon aveva lanciato Prime Now nel 2014 per consentire ai membri Prime di ottenere libri, giocattoli, oggetti essenziali per la casa e altri beni consegnati a domicilio in una o due ore con un piccolo supplemento.
Prime Now inizialmente era stato lanciato in alcune città, ma ultimamente era disponibile in più di 5.000 fra città e Paesi con il servizio gratuito di consegna in due ore. A testimonianza di quanto nel tempo sia cresciuto il servizio, parlano i numerosi magazzini Prime Now creati per gestire le consegne dedicate.

WHITEPAPER
Le 10 regole per migliorare la gestione fornitori
Acquisti/Procurement
Retail

Razionalizzazione dell’offerta

Le ambizioni di Amazon nel settore alimentare si sono approfondite nel corso degli anni. Ha implementato più servizi , acquisito la catena di supermercati di lusso Whole Foods per $ 13,4 miliardi nel 2017 e lo scorso anno ha lanciato la propria catena di negozi di alimentari freschi, il che ha portato a una strategia alimentare alquanto variegata.
L’azienda ha recentemente adottato misure per razionalizzare la propria offerta di generi alimentari. A gennaio, Amazon ha chiuso il suo servizio Prime Pantry, che consegnava generi alimentari non deperibili. Secondo quanto riportato da GeekWire, la società sta anche rinominando il suo marchio Go Grocery in Amazon Fresh e chiudendo uno dei due punti vendita Go Grocery.

La decisione di chiudere l’app e il sito web di Prime Now era in corso da tempo. La società ha recentemente iniziato a indirizzare gli utenti all’app e al sito Web di Amazon tramite un popup nell’app Prime Now. Inoltre, Amazon ha affermato di aver già interrotto l’app e il sito di Prime Now in India, Giappone e Singapore. Nel 2019 ha anche iniziato a offrire consegne in due ore da Amazon Fresh e Whole Foods su Amazon nel 2019.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 2