REGOLE

Amazon, schiaffo di Agcom: “Il servizio di consegna è attività postale”

Diffida dell’authority: la società ha 15 giorni di tempo per mettersi in regola. Dovrà adeguarsi applicando il contratto di lavoro del settore postale

06 Dic 2017

A. S.

agcom-151104152409

Amazon dovrà regolarizzare entro 15 giorni la propria posizione e dimostrare all’Agcom di essere in possesso di tutti i titoli abilitativi per svolgere i servizi postali. E’ il contenuto della diffida che il Consiglio l’autorità garante per le comunicazioni ha indirizzato alle società del gruppo Amazon,  Amazon Italia Logistica S.r.l. e Amazon City Logistica S.r.l..

“In base alle informazioni e dagli elementi acquisiti – si legge in una nota di Agcom –  l’Autorità rileva che il servizio di recapito ai destinatari dei prodotti acquistati sul cosiddetto marketplace è offerto e gestito sul territorio nazionale da società riconducibili ad Amazon Eu Srl. A giudizio dell’Autorità, il servizio svolto da queste società, al pari di quelli svolti dai principali corrieri espresso utilizzati da Amazon, è qualificabile come servizio postale, in base alla normativa di settore, nazionale e dell’Unione europea”.

In particolare, secondo quanto rilevato da Agcom, è attività postale il servizio di consegna che ha ad oggetto prodotti offerti direttamente dai venditori e recapitati ai clienti finali attraverso società controllate da Amazon, nonché il servizio di recapito presso gli armadietti automatizzati, i cosiddetti locker, svolto da società del Gruppo Amazon.

Ma cosa vuol dire qualificarsi come servizio postale? Il possesso del titolo comporta, per le società che svolgono attività postale – spiega Agcom – il rispetto di vari obblighi, tra i quali l’essere in regola con le disposizioni in materia di condizioni di lavoro previste dalla legislazione nazionale e dalle contrattazioni collettive di lavoro di riferimento vigenti nel settore postale, l’essere in regola con gli obblighi contributivi per il personale dipendente impiegato e l’adozione della carta dei servizi nei confronti degli utenti.

Ma per Amazon non finisce qui: l’azienda è anche nel mirino della Corte europea di Giustizia che ha stabilito che un fornitore di prodotti di lusso può vietare ai suoi distributori autorizzati di vendere i prodotti su una piattaforma Internet terza (come Amazon, appunto). La Corte europea ha infatti spiegato che “un simile divieto è adeguato e in linea di massima non va oltre quanto necessario per salvaguardare l’immagine di lusso dei prodotti”. Il caso era emerso in Germania e ha coinvolto Coty Germany, società che vende prodotti cosmetici di lusso nel Paese.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

A
agcom
A
amazon
S
servizi postali

Articolo 1 di 3