Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

IL RAPPORTO

Commercio italiano “convertito” al digitale, più fatturato per chi vende (anche) online

In aumento le Pmi che aderiscono all’e-commerce. L’Emilia-Romagna domina il trend: i dati dell’Ufficio studi Confesercenti

01 Feb 2019

Lo shopping online fa bene al commercio: non solo a quello “nativo” digitale, ma anche a quello fisico. Emerge da un’indagine dell’ufficio studi di Confesercenti Emilia-Romagna che rivela come il mondo dell’e-commerce sia sempre più frequentato dalle piccole e medie imprese del settore.

Negli ultimi due anni l‘86% delle imprese ha promosso l’attività sul web, e il 92% è presente sui social media, in particolare Facebook (92%), Instagram (39%) e Twitter (12%).

L’82% fa e-commerce attraverso il proprio sito e quasi la metà (49%) lo fa utilizzando anche (31%) o esclusivamente (18%) attraverso piattaforme di market place con al primo posto eBay e Amazon.

Il maggior beneficio per i negozi deriva dal miglioramento della propria immagine aziendale, ma il dato più importante è l’aumento del fatturato dovuto alla presenza sul web che viene segnalato dal 26% degli intervistati, con un mercato di riferimento che per il 44% si trova al di fuori dai confini nazionali.

“I dati raccolti – ha detto Paolo Benasciutti, coordinatore dell’area e-commerce di Confesercenti – dimostrano come il tessuto commerciale della nostra regione stia cercando di reagire alla crisi dei consumi di questi anni, sviluppando soluzioni e strategie innovative”. Più di un’azienda  che ha investito, infatti, hanno notato il superamento dell’online. Confesercenti ha creato una rete di sportelli a supporto dell’innovazione delle pmi, il Digital Innovation Hub.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

C
Confesercenti
E
emilia-romagna
P
pmi

Articolo 1 di 2