Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

E-COMMERCE

Contraffazione, Amazon lancia Project Zero in Europa

Il servizio mette a disposizione una combinazione di tecnologie avanzate e machine learning per aiutare i brand ad individuare le versioni contraffatte dei loro prodotti. Ecco come funziona

05 Ago 2019

F. Me

Amazon lancia Project Zero anche in Europa: il servizio anti-contraffazione arriva negli store europei in Francia, Germania, Italia, Spagna e Regno Unito.

“Lanciato all’inizio di quest’anno negli Stati Uniti, Project Zero combina un insieme di tecnologie avanzate, machine learning e l’innovazione di Amazon assieme alla approfondita conoscenza che i brand hanno della loro proprietà intellettuale e dei modi più idonei per individuare le versioni contraffatte dei loro prodotti – spiega Dharmesh M. Mehta , Vice President, Amazon Customer Trust and Partner Support – Oltre 3.000 brand hanno già iscritto propri marchi a Project Zero negli Stati Uniti e siamo entusiasti di dare il benvenuto ad altri brand che si stanno unendo a noi per portare a zero le contraffazioni in Europa”.

“Project Zero è basato sul lavoro e sugli investimenti che portiamo avanti da tempo per garantire che i clienti ricevano sempre prodotti autentici quando fanno acquisti su Amazon – sottolinea Mehta – Project Zero offre questa garanzia attraverso tre potenti strumenti di cui abbiamo già constatato l’efficacia negli Stati Uniti”.

Come funziona Project Zero

Le protezioni automatiche di Amazon eseguono una scansione continua ed autonoma dei nostri store, inclusi gli oltre 5 miliardi di aggiornamenti giornalieri alla nostra selezione, per rilevare prodotti sospetti. Dal suo lancio, Project Zero ha bloccato oltre 65 milioni di offerte sospette, per i marchi iscritti a Project Zero, prima che un cliente li vedesse. Queste protezioni automatiche sono basate sul machine learning di Amazon e ricevono costantemente informazioni per poter prevenire in modo più efficace l’offerta di prodotti contraffatti.

Disponibili strumenti per la rimozione self-service di prodotti contraffatti: i brand iscritti a Project Zero hanno la possibilità di rimuovere immediatamente le offerte di prodotti contraffatti. Questo offre loro l’inedita possibilità di controllare e rimuovere direttamente offerte dai nostri store. Ogni rimozione viene inserita all’interno delle nostre protezioni automatiche, in modo da permetterci di individuare autonomamente in futuro potenziali prodotti contraffatti. Di conseguenza, per ogni prodotto sospetto che un brand rimuove dal nostro negozio, Amazon blocca o rimuove proattivamente più di 500 offerte.

I marchi iscritti a Project Zero possono applicare, durante il processo di fabbricazione, un codice univoco su ogni singola unità di prodotto e renderla così tracciabile. Questo codice consente ad Amazon di scansionare e confermare l’autenticità dei prodotti che vengono acquistati su Amazon.

“Anche se la tracciabiltià dei prodotti è una scelta facoltativa, i migliori risultati contro la contraffazione si stanno registrando con i brand iscritti a Project Zero che hanno scelto di utilizzare questo sistema – conclude Mehta – Finora i brand iscritti a Project Zero non hanno nemmeno utilizzato lo strumento per la rimozione self-service dei prodotti contraffatti sui loro prodotti tracciabili perché la combinazione delle protezioni automatiche e della tracciabilità ha contribuito a portare le contraffazioni a zero”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

A
amazon
C
Contraffazione
P
Project Zero

Articolo 1 di 4