Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

IL DIBATTITO

E-commerce, il Wto apre a regole mondiali

Settantacinque Paesi avviano le discussioni per una normativa unificata su scala globale. Negoziati in calendario a marzo. In campo anche Cina e Stati Uniti

25 Gen 2019

M. F.

Regolare il commercio elettronico in maniera “più prevedibile, più efficace e più sicura”. È su questi tre punti che i ministri di 75 paesi, fra cui Stati Uniti e Cina, hanno avviato il dibattito in occasione del World Economic Forum di Davos. “Il commercio elettronico è una realtà nella maggioranza dei paesi al mondo – ha dichiarato la commissaria europea Cecilia Malmstroemm – Ed è per questo che dobbiamo offrire ai nostri cittadini, e alle nostre imprese, un ambiente commerciale che sia prevedibile, efficace e sicuro”.

Nonostante la crescita esponenziale delle vendite online negli ultimi 20 anni nonché a catena delle transazioni elettroniche, al momento non ci sono norme in seno all‘Organizzazione mondiale del commercio (Wto) che regolino il settore. Imprese e consumatori devono basarsi “su un mosaico di regole concordato da alcuni Paesi nei loro accordi commerciali bilaterali o regionali”, si legge sulla nota della Commissione Ue.

Obiettivo del negoziato è dunque migliorare le opportunità e affrontare le nuove sfide non solo nei paesi sviluppati ma anche e soprattutto in quelli in via di sviluppo. In particolare si punta alla messa a punto di un quadro giuridico multilaterale sui cui i consumatori e le imprese possano fare riferimento per rendere più facile e sicuro l’acquisto, la vendita e l’attività online.

Le nuove regole dovranno, in sostanza, migliorare la fiducia dei consumatori nell’ambiente online e combattere lo spam; affrontare gli ostacoli che impediscono le vendite transfrontaliere; garantire la validità dei contratti elettronici e della firma elettronica; vietare definitivamente i dazi doganali sulle trasmissioni elettroniche; affrontare i requisiti di localizzazione forzata dei dati e la divulgazione forzata del codice sorgente.

“L’avvio di questi negoziati mostra che la Wto – continua la nota della Commissione – rimane al centro della regolamentazione internazionale e continua ad essere una piattaforma in cui gruppi di paesi interessati concordano di lavorare insieme per sviluppare nuove regole in modo aperto e inclusivo”. Le negoziazioni sono state messe in calendario per il mese di marzo e sono aperte a tutti i membri del Wto interessati ad aderire.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

C
commissione ue

Approfondimenti

E
e-commerce
F
forum davos 2019
W
wto

Articolo 1 di 2