Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

PSD2

E-commerce, la Strong Authentication è alle porte. E l’Europa rischia l’empasse

Dal 14 settembre in vigore le nuove norme europee per le compravendite online. Ma sono ancora pochi i commercianti che si sono messi in regola. Stripe anticipa i tempi: svelati nuovi prodotti e aggiornamenti. Acquisita la tech company Touchtech Payments

18 Apr 2019

Enzo Lima

Il conto alla rovescia è già partito: il 14 settembre entrerà in vigore in tutta Europa la Strong Customer Authentication (Sca), nuovo metodo di autenticazione per le attività di compravendita online.

La Sca è una bomba a orologeria per il settore dei pagamenti europeo”, allerta Ron van Wezel, Senior Analyst di Aite Group. “I commercianti dovranno gestire una serie di modifiche complesse al flusso di pagamento che potrà avere un impatto negativo sull’esperienza del cliente. Nonostante questo, pochi commercianti sono consapevoli della questione. I fornitori di servizi di pagamento si trovano a un punto di svolta. La Sca è semplicemente troppo complessa perché qualsiasi commerciante – incluse le grandi aziende online – possa gestirla indipendentemente. I fornitori di servizi di pagamento che riusciranno a sbrogliare la complessità della Sca avranno un vantaggio significativo rispetto ai loro concorrenti”.

Il ritardo sulla roadmap rischia di mettere in seria difficoltà il mercato europeo dell’e-commerce: in India, nel 2014, l’entrata in vigore di una regolamentazione molto simile a quella che vedrà la luce a settembre in Europa ha provocato un calo delle conversioni di oltre il 25% nella fase iniziale a causa della tardiva applicazione delle nuove procedure di pagamento.

Per aiutare i player europei ad arrivare puntuali all’appuntamento l’azienda Stripe ha rilasciato tutta una serie di aggiornamenti e prodotti anche frutto dell’acquisizione della tech company Touchtech Payments. In dettaglio, Stripe ha presentato Api Payment Intents, una nuova Api per pagamenti dinamici che consente alle aziende di progettare i propri moduli di pagamento predisposti per la Sca e di accettare i più avanzati metodi di autenticazione (3D Secure 2, Apple Pay, Google Pay) tramite un’unica integrazione. Messa a punto anche la pagina di pagamenti preconfigurata Checkout, ottimizzata per la Sca integrabile dai commercianti con poche righe di codice. Billing è la nuova suite di strumenti per le aziende che offrono servizi in abbonamento: identifica quali addebiti richiedono la Sca e invia email personalizzabili agli abbonati quando è necessaria un’autenticazione aggiuntiva. Last but not least l’azienda offre anche un servizio di scansione dinamica di ciascuna transazione per attivare la Sca solo quando necessario.

“Oggi su Internet i processi di pagamento dovrebbero presentare tutte le caratteristiche che ci si aspetterebbe: dovrebbero essere semplici, sicuri e pienamente conformi alle più recenti normative. Sfortunatamente, questi tre attributi sono spesso in conflitto tra loro, rendendo quasi impossibile per le singole aziende tenere il passo con i cambiamenti normativi e creare un’esperienza di prodotti di pagamento molto positiva per i loro clienti”, sottolinea Will Gaybrick, Chief Product Officer di Stripe. “Con l’acquisizione di Touchtech si aggiunge un ulteriore livello all’infrastruttura economica che Stripe sta creando per Internet, la quale è progettata per aiutare le aziende a conformarsi non solo alla Sca ma anche a tutta la nuova generazione di normative riguardanti i pagamenti regionali”. Touchtech Payments, con sede a Dublino, è una sofware house che fornisce tecnologia di autenticazione avanzata predisposta per la Sca ad alcune delle principali aziende fintech e challenger bank europee, fra cui N26 e Transferwise.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 3