PRIMO TRIMESTRE 2020

E-commerce: ricavi a +20%. In crescita la spesa media per utente

È quanto emerge dal “Q1 Shopping Index” di Salesforce: +40% di acquirenti online. E non sono solo i beni di prima necessità a registrare un aumento vertiginoso. Sconti e promozioni fanno impennare anche abbigliamento e arredo

22 Apr 2020

Mi Fio

Vola lo shopping online sull’onda dell’emergenza Coronavirus al punto che il numero degli e-shopper è lievitato del 40% e che le performance hanno superato persino quelle della passata stagione natalizia. Questa la fotografia scattata nel Q1 Shopping Index a firma di Salesforce, realizzato grazie ai dati di oltre un miliardo di consumatori in tutto il mondo.

In dettaglio, si legge nel report, nel primo trimestre 2020 si registra una crescita deli ricavi del 20%, del 16% del traffico digitale e del 4% della spesa per acquirente (l’importo medio per ogni visita). Tra il 10  e il 20 marzo, in particolare, la spesa per beni essenziali attraverso i canali digitali è cresciuta del 200%.

“Benché l’aumento del digitale sia ben lontano dal compensare l’enorme perdita che deriva dalle mancate vendite fisiche, sta comunque contribuendo ad arginare e sopperire a parte delle perdite – si legge nello studio -. La crescente adozione del digitale continuerà anche quando i consumatori ritorneranno a una situazione più libera a cui ci eravamo abituati prima della pandemia. Questo è il motivo per cui così tanti rivenditori tradizionali, marchi nativi digitali e produttori di beni di consumo stanno raddoppiando il digitale per offrire un’esperienza senza interruzioni tra lo shopping journey virtuale e fisico”.

WHITEPAPER
Come cambia il Retail tra ecommerce, piccoli rivenditori e la spinta al cashless
Acquisti/Procurement
Fashion

Sono i beni per la casa ad aver registrato un aumento senza precedenti pari al 51% su base annua, seguiti da abbigliamento sportivo (+31%) e giocattoli e giochi al + 34%. “Brand e rivenditori stanno facendo campagne e sconti elevati per stimolare la domanda e liquidare le scorte. Nonostante l’incertezza economica, è chiaro che le persone benché debbano lavorare e trascorrere il loro tempo libero in casa, vogliono sentirsi più a loro agio. Che si tratti di semplici oggetti di arredamento per rendere più confortevole il proprio ambiente domestico o capi di abbigliamento per lavorare comodi a casa, i consumatori stanno spendendo al di là dell’essenziale e sfruttando la possibilità degli sconti a loro disposizione”.

Se è ancora presto per fare un bilancio della perdita del traffico fisico nel lungo periodo, i primi dati – evidenzia Salesforce – suggeriscono un cambiamento significativo nel comportamento dei consumatori. “Poiché la domanda di beni essenziali e le catene di approvvigionamento iniziano a stabilizzarsi, i fornitori di prodotti per il giardinaggio e la cura della casa, i negozi di artigianato, giocattoli e le aziende di athleisure probabilmente vedranno un aumento nel mese di aprile. Inoltre, la spesa attraverso i canali digitali continuerà a salire, soprattutto appena le generazioni più anziane si abitueranno allo shopping digitale”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Link

Articolo 1 di 2