Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

GRADUATORIA

Tech-imprenditori al top della classifica Forbes, Jeff Bezos sempre più ricco: vale 142 miliardi di dollari

La fortuna del fondatore di Amazon aumentata quest’anno di 5 miliardi di dollari. Al secondo posto Bill Gates con 93 miliardi, al terzo Warren Buffett

19 Giu 2018

Jeff Bezos si conferma l’uomo più ricco del mondo. Non solo: la sua fortuna è cresciuta quest’anno di 5 miliardi di dollari. Emerge dalla classifica di Forbes secondo cui il fondatore di Amazon vale la cifra record di 141,9 miliardi di dollari.

Al secondo posto il fondatore di Microsoft Bill Gates – 93 miliardi – seguito da Warren Buffett, 82,2 miliardi.

Bezos è diventato l’uomo più ricco del mondo all’inizio dell’anno con la volata di Amazon in Borsa, la seconda società che vale di più al mondo dopo Apple. Oltre ad Amazon Bezos possiede anche il Washington Post che ha acquisito nel 2013 per 250 milioni di dollari.

In giugno il colosso dell’e-commerce si è affiancata a Apple la cui capitalizzazione di mercato tocca quota 943 miliardi. Aumento del 10% del valore delle azioni sull’onda della prima trimestrale. Ad Amazon sono servite 85 sedute in Borsa per raggiungere gli 800 miliardi di dollari di valore dopo aver superato i 700 miliardi in gennaio. La capitalizzazione di mercato è aumentata di 34,0 miliardi di dollari da quando ha riportato i risultati del primo trimestre. Negli ultimi tre mesi le azioni sono aumentate del 10,1%, mentre quelle di Apple hanno scalato del 9%.

Il gigante delle vendite online ha infatti riportato entrate in crescita del 43% a 51,04 miliardi di dollari, contro i 49,78 miliardi previsti; l’utile netto è raddoppiato a 1,06 miliardi. Amazon Web Services, player numero uno dei servizi cloud, ha registrato vendite in aumento del 49% a 5,44 miliardi mentre i profitti operativi balzano del 57% a 1,4 miliardi. Dopo la pubblicazione della trimestrale le azioni sono cresciute fin del 7% nelle contrattazioni after hours.

“Riteniamo che anche senza espansione significativa nell’attività core delle vendite online, gli altri rami di business possano spingere notevolmente la crescita dei profitti nei prossimi anni e fare di Amazon la prima azienda da un trilione di dollari”, ha scritto l’analista di Macquaire Ben Schachter. “Le sue vendite online comunque continuano a sottrarre quote praticamente a tutti i concorrenti e intanto il servizio Prime, il cloud di AWS e la pubblicità macinano risultati ben al di sopra delle aspettative”. Amazon Prime ha appena sfondato quota 1 milione di abbonati e gli analisti hanno già espresso la loro soddisfazione: l’azienda di Bezos viene premiata dai suoi azionisti proprio per la strategia di espansione di lungo periodo, che punta alla conquista dei mercati internazionali, con l’Europa in pole position per fare da traino a business multiforme che include l’offerta video e musica in streaming, gli speaker Echo per la casa intelligente, l’assistente vocale Alexa e presto anche un robot domestico.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

E
e-commerce
J
jeff bezos

Articolo 1 di 5