Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

IL REPORT

L’e-commerce abbatte il gender gap: più facile per le donne fare impresa online

Una ricerca Ipsos indaga le opportunità di business che il commercio elettronico offre alle donne. Tra i benefici, meno pregiudizi e più libertà di operare in settori ancora considerati “maschili”

06 Mar 2019

Federica Meta

Giornalista

L’e-commerce può aiutare le donne a fare impresa e ad avere successo anche in settori ancora tradizionalmente considerati maschili? Secondo una ricerca condotta da Ipsos per eBay la risposta è sì, tanto che una donna italiana su tre tra quelle che vedono ancora pregiudizi nei confronti di imprese femminili, ritiene che l’online sia un settore in cui è possibile superare più facilmente le barriere di genere.

L’indagine, che analizza alcuni aspetti del rapporto professionale tra le donne e l’e-commerce, evidenzia come tra la popolazione femminile vi sia una fiducia crescente verso le opportunità offerte dal settore delle vendite online. Se la maggioranza (53%), ritiene che il maggior beneficio di chi ha un’attività online sia quello di conciliare più facilmente la vita familiare con quella lavorativa, c’è un 25% che vede l’online come un’opportunità per operare facilmente in qualunque settore e veder riconosciuta la propria professionalità.

Nonostante la maggioranza degli italiani non ritenga che vi siano settori off-limits per le donne, persiste ancora una certa resistenza nel vedere una donna impiegata in settori come ricambi auto e moto (30%) e bricolage e ferramenta (quasi il 20%). Percezione confermata dal fatto che quattro italiane su dieci affermano come un’attività gestita da una donna subisca, a loro avviso, ancora dei pregiudizi.

Nel mercato online, invece, il fatto che un business sia gestito da un uomo o da una donna è un aspetto che non viene preso in considerazione da chi acquista. Anche nel caso in cui sia esplicitato il sesso del venditore, meno dell’1% dei compratori italiani considera questo aspetto al momento dell’acquisto, dando peso ad elementi più legati al business come le recensioni (67%) e le modalità di pagamento offerte (46%).

“I dati emersi dalla ricerca e la testimonianza delle nostre venditrici sottolineano come l’eCommerce sia un settore estremamente dinamico, dove le donne possono trovare ottime opportunità e maggiore facilità di ingresso – spiega Sara Cendaroni, Head of Trading & Sales di eBay in Italia – Ebay è un facilitatore di business e ogni giorno aiutiamo oltre 35.000 aziende italiane, tra le quali tantissime guidate da imprenditrici, a raggiungere un mercato globale di oltre 179 milioni di acquirenti attivi. Sapere che ci sono donne che sono riuscite a lanciare una loro impresa e a farla crescere online abbattendo alcuni ostacoli dati dai pregiudizi di genere ci spinge a migliorare ancora di più la nostra offerta e a continuare il nostro lavoro al fianco delle imprese italiane, per far sì che un numero sempre maggiore di quest’ultime sfrutti le tantissime opportunità che il mercato online può offrire”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4