Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

NUOVE REGOLE

Niente dazi sull’e-commerce: Europa in pressing sul Wto

La proposta avanzata dalla Commissione Ue nell’ambito dei negoziati multilaterali avviati dall’Organizzazione mondiale del commercio. Riflettori sulla validità transfrontaliera delle firme elettroniche e sulla lotta allo spam

03 Mag 2019

F. Me.

Validità dei contratti elettronici e delle firme elettroniche; misure per contrastare lo spam e gli ostacoli che impediscono le vendite transfrontaliere; divieto permanente di dazi doganali sulle trasmissioni elettroniche. Queste le proposte della Commissione europea per le future norme internazionali sul commercio elettronico, settore per il quale non esistono norme multilaterali. Lo scorso gennaio 2019, un gruppo di 76 membri dell’Organizzazione mondiale del commercio (Wto), compresa la Ue, ha deciso di avviare negoziati che dovrebbero dar luogo a un quadro giuridico multilaterale su cui i consumatori e le imprese potrebbero fare affidamento per rendere più facile e più sicuro l’acquisto, vendere e fare affari online. La proposta europea sarà discussa insieme alle proposte di altri membri dell’Omc durante le riunioni del 13-5 maggio a Ginevra.

Dato che non esistono norme multilaterali che regolino il commercio elettronico, imprese e consumatori devono basarsi su un mosaico di regole concordate da alcuni Paesi nei loro accordi commerciali bilaterali o regionali. Oltre a garantire la validità dei contratti elettronici e delle firme elettroniche e ad adottare misure per combattere efficacemente lo spam, la Commissione indica che è necessario superare le barriere che impediscono attualmente le vendite transfrontaliere affrontando la questione dei requisiti di localizzazione dei dati garantendo la protezione dei dati personali, vietando i requisiti obbligatori di divulgazione del codice della sorgente, il rispetto del principio di accesso aperto a Internet; aggiornando le attuali discipline Omc sui servizi di telecomunicazione per garantire che siano idonei a supportare l’ecosistema Internet su cui si fonda l’e-commerce; migliorando gli impegni di accesso al mercato nei servizi di telecomunicazione e informatici.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

C
commissione europea
E
e-commerce
W
wto

Articolo 1 di 3