Pmi e digitale, la Regione Marche si affida ad Amazon e inaugura la "vetrina" internazionale - CorCom

IL PROGETTO

Pmi e digitale, la Regione Marche si affida ad Amazon e inaugura la “vetrina” internazionale

Siglata un’intesa votata a promuovere le vendite online e l’export grazie a una serie di attività, inclusa la formazione. Riflettori sulle eccellenze tradizionali locali: già più di 100 le aziende in campo, oltre 6mila i prodotti selezionati

27 Ott 2021

Enzo Lima

Sostenere le piccole e medie imprese, con attività di promozione e formazione digitale dedicate. Questo l’obiettivo dell’intesa siglata dalla Regione Marche e Amazon. Le tipicità marchigiane saranno promosse in un’apposita “vetrina” sulla sezione Made in Italy del colosso dell’e-commerce: oltre 6000 i prodotti selezionati, dalle specialità enogastronomiche alle eccellenze del distretto calzaturiero locale fino a prodotti artigianali e di design realizzati a mano. E sono circa 100 le piccole e medie imprese marchigiane già online.

La nuova sezione regionale è stata inaugurata nell’ambito dell’accordo di collaborazione siglato da Amazon con l’Agenzia Ice, per sostenere le piccole e medie imprese italiane aiutandole a digitalizzarsi e a vendere i prodotti locali sia in Italia che all’estero.

“Obiettivo della Regione Marche è favorire la ripresa delle attività economiche del territorio – spiega il Vicepresidente e Assessore allo Sviluppo Economico, Mirco Carloni, firmatario del protocollo d’intesa . Ciò passa attraverso un rafforzamento della competitività delle produzioni marchigiane ma anche attraverso l’accesso ai nuovi canali di diffusione e valorizzazione commerciale, soprattutto nell’ambito di piattaforme digitali di commercializzazione. La pandemia ha cambiato le abitudini commerciali degli italiani. Si è visto che la vendita attraverso il canale digitale ha assunto una rilevanza crescente nel panorama delle attività commerciali a livello internazionale e rappresenta un canale ormai imprescindibile in diversi settori merceologici. Le nostre imprese devono valorizzare i prodotti su mercati ad alto valore aggiunto. Questo accord con Amazon è una vera opportunità di crescita perché è il negozio online che serve alle Marche”.

Stando ai dati presentati in occasione dell’annuncio della partnership il 96,3% delle imprese marchigiane dispone di una connessione a banda larga fissa o mobile, rispetto a una media nazionale del 94,5%, al 95,6% del Nord Ovest, al 97,3% del Nord Est e al 90,4% del Centro Italia, mentre il 67,7% delle imprese delle Marche possiede un sito webhome page o pagina internet rispetto a una media nazionale del 72,1%, al 78,4% del Nord Ovest, all’80,4% del Nord Est e al 66,9% del Centro Italia.

“L’e-commerce è uno dei sei pilastri del Patto per l’export e su questo fronte, come Ice, stiamo accelerando perché è attraverso il digitale che si affrontano le sfide della ripresa. In meno di due anni abbiamo messo in campo 31 accordi con marketplace e etailer che diventano altrettante vetrine del Made in Italy – sottolinea Carlo Ferro, Presidente dell’Agenzia Ice -.  Nel 2020 i compratori online sono stati circa 2,7 miliardi, un bacino importante e con una crescita media annua prevista del 12% per i prossimi 5 anni. Un trend, quindi, non reversibile. E il Sistema Paese, di cui ICE è un attore, sta lavorando con reazione e visione per supportare le imprese sui mercati. Un grande in bocca al lupo alle aziende delle Marche, sono sicuro che, con il supporto del Sistema Paese, sapranno posizionarsi sempre più velocemente sulla strada della ripresa.”

“Il supporto alle piccole e medie imprese è al centro del nostro modello di business e oltre la metà del totale delle vendite annuali su Amazon arriva dalle Pmi che hanno scelto di utilizzare i nostri negozi online – evidenzia Xavier Flamand, Director, Eu Seller Services di Amazon -. Il nostro ultimo report sulle piccole e medie imprese che vendono su Amazon ha sottolineato il successo che le Pmi ottengono tramite le vendite sui nostri siti. Si tratta di risultati che hanno un impatto non solo sulla singola azienda, ma sull’intero territorio: le oltre 18.000 PMI che vendono su Amazon.it hanno creato, ad oggi, oltre 50.000 posti di lavoro in Italia, e noi continueremo ad investire in strumenti e risorse da fornir loro per sostenerne la crescita”. E Ilaria Zanelotti, Director Seller Service Amazon Italia aggiunge che “oltre 500 piccole e medie imprese marchigiane vendono già i propri prodotti su Amazon.it, e nel 2020 hanno realizzato vendite all’estero per oltre 20 milioni di euro. Questo accordo rappresenta un ulteriore passo nel nostro percorso di supporto all’imprenditoria italiana e siamo orgogliosi di lavorare al fianco di Regione Marche per offrire ad ancora più artigiani ed imprese locali la possibilità di crescere e raggiungere più clienti in Italia e all’estero.”

Nell’ambito dell’intesa anche l’impegno a sviluppare percorsi formativi per le imprese interessate a cogliere nuove opportunità di crescita attraverso il canale online grazie ad Accelera con Amazon, programma di formazione gratuito realizzato da Amazon accanto a partner istituzionali, che ha l’obiettivo di accelerare la crescita e la digitalizzazione di oltre 10.000 piccole e medie imprese italiane.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5