Record di vendite online per le farmacie. E vola il social commerce - CorCom

I DATI

Record di vendite online per le farmacie. E vola il social commerce

Dalla fase di lockdown in forte aumento gli acquisti via Internet in particolare di prodotti cosmetici e integratori alimentari. Crescita del 98% dello scontrino medio e bassissimi tassi di reso. Per il comparto un’opportunità senza precedenti trainata anche dalle attività sui social network

25 Ago 2020

Veronica Balocco

Piace la modalità di acquisto online di prodotti per la cura del corpo, farmaci e integratori. Sospinto dall’emergenza Covid-19, l’e-commerce del settore ha subito un’impennata che non dà segno di volersi attenuare: nonostante la riapertura dei negozi fisici, infatti, la digitalizzazione degli acquisti farmaceutici prosegue, e anzi registra una continua crescita. A motivare tale tendenza ci sarebbe, secondo l’ultima analisi Iqvia, società che monitora l’andamento del mercato e-commerce del comparto, la comodità di fare shopping 24 ore su 24, senza necessità di uscire di casa e con bassissimi tassi di reso, vista la consapevolezza che in genere guida questo genere di acquisti.

Secondo l’indagine, nei primi sette mesi del 2020 l’andamento dello scontrino medio per gli acquisti on line in questo settore ha registrato una crescita di circa il 98%, mentre il sell-out sta registrando una crescita superiore all’80% sullo stesso periodo dell’anno scorso. Quanto alle tipologie di prodotto comprate, gli acquirenti online in genere optano per vitamine e minerali (+31% di crescita negli ultimi 7 mesi), prodotti per il sonno (+38% dall’inizio del 2020), prodotti per capelli (+8%) e creme mani (+27% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente). Anche i prodotti make up vengono sempre più acquistati in farmacia, con un +22% registrato in Italia a fine 2019 sugli e-commerce farmaceutici.

A rinnovare le modalità di vendita del comparto farmaceutico vi sarebbero però anche un’altra inedita tendenza, in linea con le novità del mondo e-commerce. In questi mesi il settore si è infatti dimostrato anche in grado di aderire al social commerce, evoluzione 2.0 del commercio online, che consente una maggiore interattività da parte dei clienti attraverso l’integrazione del mondo social all’interno del processo di shopping. A confermare la novità è uno studio condotto da Worldz, startup che ha sviluppato un software per e-commerce che consente agli utenti di ottenere uno sconto personalizzato sugli acquisti online, calcolato in base al valore della loro popolarità social (Facebook o Instagram). Per redimere immediatamente lo sconto l’utente deve semplicemente pubblicare sul proprio profilo un post o una Stories, condividendo con amici e follower il prodotto o il brand scelto.

WHITEPAPER
Quali sono le prossime sfide per i punti vendita in Italia?
Acquisti/Procurement
Marketing

Lo studio di Worldz evidenza che, da novembre 2019, le vendite nel settore pharma, incentivate dalle condivisioni social della loro community di utenti, ammontano a 50.000 con un fatturato totale per gli e-commerce partner che supera i 2 milioni di euro, con oltre 14.000 post generati dagli utenti che a loro volta hanno raggiunto +1,3 milioni di amici e follower su Facebook e Instagram.

“ Come ormai è risaputo, negli ultimi anni è esploso il mercato delle farmacie online confermando il fatto che anche un business tradizionale può e deve evolversi e adeguarsi alle nuove richieste dei consumatori – spiega Joshua Priore, CEO di Worldz -. Oggi questa evoluzione continua e i dati raccolti in questi mesi sulla piattaforma Worldz dimostrano come, ancora una volta, le aziende che hanno intenzione di innovare, possono davvero farlo in ogni campo. Oggi più di 30 farmacie online hanno già installato il nostro sofware e sono già 30 milioni gli utenti che hanno interagito con i nostri strumenti”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Link

Articolo 1 di 2