Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

LA TRIMESTRALE

Zalando alla soglia dei 25 milioni di clienti attivi. Rubin Ritter: “Fashion settore sfidante”

La piattaforma chiude il secondo trimestre 2018 con ricavi in crescita del 20,9% a 1330 milioni. Gli ordini raggiungono il numero record di 29 milioni. Si continua a investire sulle infrastrutture logistiche per potenziare e migliorare i servizi ai clienti

07 Ago 2018

Mila Fiordalisi

Condirettore

Ricavi in crescita del 20,9% a 1.330 milioni, Ebit rettificato a 94,0 milioni con margine del 7,1%. E raggiunto il più alto numero di clienti attivi (24,6 milioni), pari a un’impennata del 15,9%, e 29 milioni di ordini, altro tetto mai raggiunto prima. Zalando chiude il secondo trimestre 2018 con performance da record. Il tutto nonostante i forti investimenti in campo destinati alle infrastrutture logistiche che hanno impattato sul capitale operativo del primo semestre a quota 108,8 milioni. Capitale che secondo stime salirà a 350 milioni calcolando l’intero anno. Per l’anno finanziario 2018, Zalando stima una crescita di fatturato profittevole nella parte bassa del corridoio del 20-25%, con un Ebit rettificato nella fascia bassa del range 220-270 milioni.

“Il significativo sviluppo dei Kpi relativi ai clienti dimostra che stiamo performando estremamente bene – commenta il co-ceo Rubin Ritter -. Siamo orgogliosi di vedere che il nostro focus sul cliente sta dando i suoi frutti nonostante il settore fashion sia molto sfidante. Il nostro Partner Program sta crescendo notevolmente e rappresenta circa il 10% dei volumi di vendita del secondo trimestre”.

Dal 1° gennaio 2018, Zalando ha cambiato la propria struttura interna. Il focus è ora principalmente sui canali di vendita e non più sulle regioni geografiche. Questa modifica – puntualizza l’azienda – aumenta il livello di responsabilità e il processo decisionale all’interno dei singoli canali di vendita. Con la nuova struttura, il principale canale di vendita continua a essere il Fashion Store (i negozi online di Zalando). Il segmento “Offprice” include Zalando Lounge, gli outlet e l’overstock management). Il segmento “Altro” include l’offerta private label zLabels e altri business emergenti.

Zalando ha lanciato la sua piattafoma in Irlanda e Repubblica Ceca nel secondo trimestre ed è ora presente in 17 mercati europei. Inoltre, è stato ampliato l’accesso all’offerta di Zalando in Germania con il lancio della versione del sito in lingua inglese e in Svizzera con la versione del sito in lingua italiana.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5