Economia circolare, Eni lancia con Joule lo Human Knowledge Lab

SPONSORED STORY

Economia circolare, Eni lancia con Joule lo Human Knowledge Lab

Il percorso formativo è dedicato a team di startupper e imprenditori, che possono avanzare la propria candidatura entro il 30 giugno. Il progetto più meritevole potrà accedere a un percorso di incubazione e mentorship

21 Mag 2021

Dare un’opportunità concreta di sviluppo, di crescita e di successo sul mercato alle idee imprenditoriali più innovative nel settore della sostenibilità, dell’economia circolare e della transizione energetica, a prescindere dal comparto specifico a cui sono indirizzate. É questo l’obiettivo di Human Knowledge Lab, progetto nato dall’iniziativa di Eni attraverso Joule, la scuola dedicata alla formazione di una nuova generazione di imprenditori e all’accelerazione di startup. Si tratta di un nuovo modello di format indirizzato a fornire ai partecipanti competenze “trasversali” e non limitate al campo dell’energia, e che li aiutino a portare sul mercato la loro idea di business. Il valore aggiunto dell’iniziativa è quello di vedere la luce in un momento “di ripartenza”, caratterizzato dalle difficoltà e dalle incertezze causate dall’emergenza Covid-19, dalle sfide della digital transformation e dell’impegno per la sostenibilità, che coinvolgono tutto il tessuto produttivo nazionale e il sistema-Paese in generale.

HK Lab, con la finestra per le iscrizioni che si è aperta il 17 maggio e si chiuderà il 30 giugno, è nello specifico un percorso di pre-incubazione itinerante a tappe che è stato avviato in collaborazione con LVenture Group, e che rientra nell’impegno di Eni per la formazione e per il supporto al mondo dell’imprenditoria. Al programma, riservato ai maggiorenni, possono candidarsi team di almeno due persone che vogliano sviluppare la loro idea imprenditoriale in una delle aree di innovazione illustrate nel dettaglio sulla pagina web per le candidature: https://joule.eni.com/. Una volta chiusa la fase delle candidature, i progetti più interessanti verranno selezionati per partecipare al percorso formativo.

La prima tappa di HK Lab mira a coinvolgere gli iscritti in sfide che serviranno a identificare il progetto più meritevole, mettendo i partecipanti nelle condizioni di acquisire le competenze necessarie per confrontarsi con i temi della sostenibilità e dell’economia circolare, in tutti gli ambiti in cui è possibile declinarli in azioni di business concrete.

Dopo una prima fase preparatoria di onboarding da remoto, propedeutica allo sviluppo di skill trasversali e soft skill, il percorso formativo si focalizzerà su tematiche fondamentali per il successo di un’iniziativa di business, come l’analisi di mercato e l’individuazione del target di riferimento, passando poi per la validazione e la realizzazione del prototipo e arrivando fino allo studio dei canali di acquisizione e ai primi test di mercato, per approdare infine alla validazione del business concept e alla messa a punto di un piano d’azione per lo sviluppo.

Le lezioni si terranno nel mese di settembre a Villa Montecucco di Castel Gandolfo, in provincia di Roma, la sede che Eni ha dedicato alle iniziative di formazione, e impegneranno i partecipanti per sette giorni full-time. L’approccio scelto per le attività sarà il più possibile coinvolgente e organizzato con attività in laboratorio, alternate con gli interventi di founder delle startup del portafoglio di LVenture Group, esperti di Eni e docenti esterni che provengono dall’ecosistema dell’innovazione, da Business School e contesti accademici.

Terminato questo passaggio verrà individuato il progetto più meritevole di proseguire nel percorso di incubazione, che avverrà tramite PoliHub, l’Innovation Park & Startup Accelerator del Politecnico di Milano, che Joule annovera tra i propri partner. Il programma prevede inoltre che i due migliori progetti possano avere accesso a una serie di servizi personalizzati, indirizzati alle esigenze dei team, messi a disposizione da Eni attraverso Energizer, l’acceleratore di impresa di Joule.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 3