IL DECRETO

Elettronica innovativa, dal Mise 20 milioni per le imprese italiane

I fondi per il cofinanziamento dei progetti delle aziende selezionate nell’ambito dei bandi “Key Digital Technologies Joint Undertaking e Innovation Actions”. Si punta a sostenere la progettazione di componenti elettronici nonché la loro produzione e integrazione in sistemi intelligenti

08 Set 2022

Veronica Balocco

innovazione

Per sostenere lo sviluppo di una competitiva industria nel settore dei componenti e dei sistemi elettronici, il Ministro dello sviluppo economico Giancarlo Giorgetti ha firmato un decreto che assegna 20 milioni di euro al cofinanziamento dei progetti delle imprese italiane selezionate dai bandi pubblicati, nel corso del 2022, da Key Digital Technologies Joint Undertaking (KDT JU)  e  Innovation Actions (IA). 

Una quota del 40% dello stanziamento di 20 milioni di euro è riservato a imprese localizzate nelle regioni del Mezzogiorno.

Fondi per 200 milioni dal Pnrr per i due progetti

KDT JU e IA sono due iniziative che rientrano nell’ambito del programma europeo Horizon, per il quale il Mise ha destinato complessivamente 200 milioni di fondi stanziati dal Pnrr, e che puntano a supportare gli investimenti in ricerca e innovazione al fine di rafforzare l’autonomia strategica in settori, come quello dell’elettronica, divenuti asset centrali per l’industria manifatturiera europea.

WHITEPAPER
Direct lending per PMI: il finanziamento alternativo per liquidità in tempi brevi
Finanza/Assicurazioni
Finanziamenti

La KDT JU, in particolare, è una partnership che supporta ricerca e innovazione nella progettazione di componenti elettronici, nonché la loro produzione e integrazione in sistemi intelligenti. Si tratta di un’iniziativa che si rivolge a imprese di qualsiasi dimensione che esercitano attività industriale, commerciale, di trasporto o ausiliare delle precedenti, imprese artigiane, imprese agro-industriali e università, centri di ricerca e organismi di ricerca. 

Proposte entro il 21 settembre

In particolare verrà finanziata la progettazione, il trasferimento tecnologico e la produzione di nuovi  prodotti, processi e servizi,  o migliorare notevolmente quelli già esistenti, tramite lo sviluppo delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione, nanotecnologie, materiali avanzati, biotecnologie, fabbricazione e trasformazione avanzate, spazio.

Le imprese selezionate dovranno presentare le proposte definitive dei loro progetti entro il prossimo 21 settembre, mentre i termini e le modalità di presentazione delle richieste di agevolazione verranno indicate con un successivo provvedimento dopo che il decreto verrà registrato dalla Corte dei Conti

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

M
mise

Approfondimenti

E
elettronica
F
finanziamenti
I
innovazione

Articolo 1 di 4