Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

LA PARTNERSHIP

Emilia Romagna, il Giappone entra a far parte della “Data valley”

Siglato l’accordo con la prefettura di Ibaraki e l’università di Tsukuba. Obiettivo: promuovere progetti comuni e sviluppare attività di ricerca nei luoghi dei giochi olimpici 2020 su big data e intelligenza artificiale

26 Ago 2019

A. S.

L’Emilia Romagna compie un altro passo nel progetto di affermarsi come “data-valley” nazionale, e stringe un accordo con il Giappone – nello specifico con la prefettura di Ibaraki e con l’ateneo di Tsukuba – aggiungendo così il Paese del sol levante alla propria rete internazionale.

La partnership con l’Università di Tsukuba è particolarmente significativa perché l’ateneo giapponese è al centro di un distretto che conta su 60 istituti di ricerca e 3mila studenti e ricercatori da 90 Paesi. Grazie a questa partnership verranno promossi progetti comuni nel campo dei big data e dell’intelligenza artificiale in settori strategici come mobilità, salute e servizi per i cittadini, automazione e digitalizzazione industriale, sviluppo sostenibile, energie rinnovabili, economia circolare, scienze della vita, sviluppando attività di ricerca nei luoghi delle olimpiadi 2020.

La partnership è tra i risultati della missione in Giappone di Patrizio Bianchi, assessore al Coordinamento delle politiche europee, università e ricerca, che si è da poco concluso.

“Una collaborazione, quella con la prefettura di Ibaraki e l’Università di Tsukuba – sottolinea l’assessore – in grado di sviluppare nuove aree di ricerca, master e dottorati congiunti, oltre a progetti per imprese interessate a sviluppare relazioni in ambito internazionale e in grado di coinvolgere diversi attori del sistema Italia. Un percorso avviato che consentirà alla nostra Regione e all’Italia di giocare un ruolo sempre più importante a livello internazionale. Grazie anche alle ultime importanti acquisizioni, dal supercomputer Leonardo al Data center del Centro Meteo Europeo, Bologna e l’Emilia-Romagna sono sempre più  punto  di riferimento a livello nazionale ed europeo nel settore del calcolo ad alte prestazioni e snodo internazionale del sistema della conoscenza”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4