Enel Open Fiber, firmato l'accordo con il Comune di Venezia - CorCom

ULTRABROADBAND

Enel Open Fiber, firmato l’accordo con il Comune di Venezia

Il piano prevede una copertura di circa 120mila unità immobiliari entro il 2018 in modalità Ftth per circa 600 km di rete interrata e 500 km di rete aerea. Trasmissioni a 1Gbps sia in download che in upload

16 Ago 2016

A.S.

Firmato la prima convenzione tra Comune di Venezia ed Enel Open Fiber (Eof), la società di Enel per lo sviluppo di una infrastruttura nazionale per la banda ultra larga: l’intesa permette la posa di fibra ottica sull’intero territorio comunale. Eof, si legge in una nota dell’operatore, è interessata a realizzare una rete di telecomunicazioni a banda ultra larga in fibra ottica per la città di Venezia, assicurandone al contempo la relativa gestione e manutenzione, nonché a offrire diritti di accesso alla rete realizzata a condizioni tecniche ed economiche non discriminatorie a tutti gli attori che ne facciano richiesta.

Il Piano di Enel Open Fiber per la città di Venezia, con la convenzione che era stata approvata dall’amministrazione comunale il 2 agosto, prevede l’inizio dei lavori a settembre 2016, con una copertura del 50% delle unità immobiliari entro settembre 2017 e dell’80% entro metà del 2018 per un totale di circa 120 mila unità immobiliari cablate, circa 600 km di rete interrata e circa 500 km di rete aerea. Le attività di posa della fibra conteranno sul sostegno del Comune di Venezia per la realizzazione celere dei lavori.

La fibra ottica, prosegue il comunicato, verrà portata fino a casa dei clienti in modalità Fiber to the Home (Ftth) in grado di supportare velocità di trasmissione a 1 Gbps sia in download che in upload.

Eof ha stipulato separatamente con i principali operatori nazionali, in questa prima fase della partnership, un contratto relativo alla cablatura dei primi 10 comuni previsti dal suo piano di sviluppo della banda larga. Gli accordi stipulati, conclude la nota, prevedono che vengano attivati clienti sulla rete che Eof dovrà realizzare, garantendo una copertura pari ad almeno l’80% delle unità immobiliari di ciascun comune, con le tempistiche indicate nel piano di roll-out. Eof assicurerà anche la gestione e manutenzione della nuova infrastruttura. Sono inoltre in corso di finalizzazione ulteriori accordi con altri operatori.