LA STRATEGIA 2023-2025

Enel, Starace: “Il digitale sarà asset delle nostre reti”

Si punta a migliorare l’efficienza e ridurre le interruzioni, raggiungendo un System Average Interruption Duration Index di circa 150 minuti nel 2025. I clienti di rete digitalizzati saranno l’80% circa nel 2025, +20% rispetto alle stime per il 2022. Aumento delle connessioni per affrontare il futuro incremento delle risorse energetiche distribuite e l’espansione delle reti urbane

22 Nov 2022
starace-francesco-151113115127

“Gli ultimi tre anni sono stati caratterizzati da una serie di eventi sconvolgenti”, che hanno “aumentato la necessità di un’accelerazione nella transizione energetica e nella digitalizzazione, insieme alla riorganizzazione e al riequilibrio delle catene di approvvigionamento global”. Per questa ragione, “nei prossimi tre anni ci concentreremo su modelli di business integrati, know-how digitale nonché business e aree geografiche che possano aggiungere valore nonostante le complessità dell’attuale scenario, attraverso una struttura più snella e indicatori finanziari più solidi”. Sono le parole con cui Francesco Starace, amministratore delegato e direttore generale di Enel, ha accompagnato la presentazione del Piano strategico 2023-2025 del Gruppo.
Un documento che, con investimenti complessivi per un totale di circa 37 miliardi di euro, mette la società nelle condizioni di affrontare le sue tre ambizioni chiave: focalizzarsi su una filiera industriale integrata verso un’elettrificazione sostenibile, conseguire un riposizionamento strategico dei business e delle aree geografiche e assicurare la crescita e la solidità finanziaria.

Rafforzamento, sviluppo e digitalizzazione delle reti

In particolare, proprio in ambito di rafforzamento, sviluppo e digitalizzazione delle reti per abilitare la transizione, Enel mette sul piatto una strategia concentrata su cinque dei sei Paesi “core” – nello specifico Italia, Spagna, Brasile, Cile e Colombia –  dove il gruppo ha una posizione integrata e dove la sua esperienza unica nell’evoluzione digitale può essere utilizzata al meglio, principalmente nelle grandi aree metropolitane. La previsione, in questo quadro, è che l’intensità degli investimenti per cliente nel settore delle reti aumenti di circa il 30% in media nel periodo 2023-2025 rispetto alla stima per il periodo 2020-2022.

WHITEPAPER
Troppe piattaforme IT? Non serve cambiarle! Scopri come farle dialogare
Digital Transformation
Software

A guidare la crescita sarà – spiega Enel nella nota ufficiale –  “la necessità di migliorare qualità e resilienza per gestire al meglio l’incremento di carico, affrontando al contempo le sfide poste dagli eventi legati al cambiamento climatico”, ma anche la digitalizzazione degli asset del gruppo in corso, al fine di migliorare l’efficienza e ridurre le interruzioni di rete, raggiungendo un System Average Interruption Duration Index (Saidi) di circa 150 minuti nel 2025 (-35% rispetto alle stime per il 2022). Infine, un focus chiave sarà posto sull’incremento dei clienti di rete digitalizzati, che si prevede raggiungano l’80% circa nel 2025 (+20 punti percentuali rispetto alle stime per il 2022), e sull’aumento delle connessioni per affrontare il futuro incremento delle risorse energetiche distribuite e l’espansione delle reti urbane.

Spinta alla transizione energetica e alla digitalizzazione

Il contesto attuale, osserva l’ad, evidenzia la necessità di “conseguire alcuni obiettivi: accessibilità economica, in relazione alla fornitura di energia a prezzi ragionevoli e stabili nel lungo termine; sicurezza, con riguardo alla fornitura di energia con una limitata esposizione a tensioni geopolitiche; sostenibilità, relativamente ad un approvvigionamento energetico senza impatto sul clima e sugli ecosistemi”.

“Nei prossimi tre anni ci concentreremo su modelli di business integrati, know-how digitale nonché business e aree geografiche che possano aggiungere valore nonostante le complessità dell’attuale scenario, attraverso una struttura più snella e indicatori finanziari più solidi”, aggiunge Starace. “Ciò  aumenterà la nostra resilienza di fronte a potenziali future persistenti turbolenze, oltre a posizionare la nostra creazione di valore in un percorso di ulteriore crescita, a vantaggio di tutti gli stakeholder e accelerando l’indipendenza energetica nei Paesi ‘core’. La sostenibilità, pienamente integrata nelle nostre decisioni, continua a collocarsi alla base della nostra strategia, facendo anche leva sull’accelerazione dell’elettrificazione in tutte le economie. Questi risultati potranno essere raggiunti grazie alla grande competenza e motivazione dei colleghi del gruppo Enel e all’assetto organizzativo basato sulle piattaforme digitali che abbiamo adottato”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Personaggi

F
francesco starace

Aziende

E
enel

Approfondimenti

D
Digital transformation
E
energy e utilities

Articolo 1 di 4