SMART HOME

Energia, scatta l’ora dello smart meter: italiani pronti alla svolta 4.0

Secondo una ricerca condotta da Nest, gruppo Google, un italiano su quattro ritiene che l’acquisto di un termostato intelligente possa aiutare a risparmiare sulla bolletta di casa e abbia un effetto positivo sulla sostenibilità

16 Gen 2019

Antonio Dini

Parola d’ordine, comodità. Ma anche risparmio e rispetto dell’ambiente. Secondo una ricerca condotta da Nest, la startup acquistata da Google e specializzata in termostati intelligenti e smart home, gli italiani sono convinti che sia fin troppo difficile gestire il termostato tradizionale del riscaldamento di casa. E che questo, anziché essere un piccolo problema pratico, abbia un impatto fondamentale per quanto riguarda la gestione dei consumi e anche l’ambiente. Quindi, porte aperte all’utilizzo di dispositivi smart che consentano di conoscere i consumi in tempo reale, oltre a ottimizzare la climatizzazione degli di casa e magari fare anche bene all’ambiente.

In un Paese come il nostro sempre più preoccupato per l’aumento della bolletta energetica (una delle principali preoccupazioni per il 90% degli italiani), il controllo dei consumi è fondamentale. Ma, sebbene questo venga fatto con apparecchi connessi come frigoriferi, lavatrici e televisori, c’è una parte della gestione del consumo energetico della casa, sia essa termosingolo che condominiale, ad essere significativo e ancora troppo poco controllato. È il termostato.

La domotica ha messo al centro questo tipo di tecnologia anche perché nel mercato della domotica il tema del risparmio energetico è fondamentale, e altrettanto viene ritenuto esserlo da un italiano su due. Soprattutto, è considerato rilevante secondo lo studio commissionato da Nest poter controllare la casa a distanza (per il 74% degli intervistati) e ottenere un risparmio reale in denaro (37%). I dispositivi smart portano, secondo la ricerca vantaggi sul medio-lungo periodo, soprattutto visto che, secondo un italiano su tre, i costi di riscaldamento pesano oltre il 60% del totale sulla bolletta energetica.

evento - 6 novembre 09:30
La trasformazione digitale come architrave della strategia per la ripresa
Digital Transformation

Una caratteristica del riscaldamento basato su termostati intelligenti è, secondo gli italiani intervistati nella ricerca, quella di risolvere due problemi: il primo è non conoscere la reale temperatura di casa (per un italiano su quattro) e il secondo è non riscaldare né troppo né troppo poco (18% dei rispondenti). Soprattutto, per un italiano su tre il maggior fastidio del termostato tradizionale è la difficoltà a programmarlo, cosa che porta spesso a una cattiva gestione del consumo energetico.

Di fronte alla possibilità di usare un termostato intelligente molti italiani vedono una opportunità soprattutto in due aree fondamentali: la prima è poter avere un controllo remoto (per il 30%), la seconda è la facilità di utilizzo (16%) e la terza è la possibilità di avere accesso a dati sul consumo energetico in tempo reale (14%), sino ad arrivare alla possibilità di un controllo vocale (8%).
Ma sono due gli aspetti maggiormente significativi: per quattro italiani su cinque è in generale risparmiare sulla bolletta di casa e, per l’82,4%, avere un impatto positivo sulla sostenibilità ambientale nel nostro Paese. La ricerca è stata condotta dall’istituto di ricerca Censuswide tra su un campione di 1.001 italiani possessori di dispositivi per la smart home.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

G
google
N
Nest
S
smart meter