L'OPERAZIONE

Engineering: disco verde all’opa su Be Shaping the Future

Ottenute le autorizzazioni antitrust e golden power per l’acquisizione del 43,2% del capitale della società: il closing fissato al 26 settembre

22 Set 2022

Veronica Balocco

Engineering_Roma EUR

Via libera: Engineering può procedere all’opa obbligatoria totalitaria per l’acquisizione di Be Shaping the Future. Tamburi Investment Partners (Tip) ha infatti reso noto di aver ottenuto tutte le autorizzazioni e i consensi richiesti dalle legislazioni antitrust e golden power relativamente all’operazione di acquisto: la data del closing è fissata per il 26 settembre.

L’acquisizione era stata annunciata il 20 giugno scorso, quando Engineering ha sottoscritto gli accordi definitivi e vincolanti per l’acquisto di 58.287.622 azioni ordinarie pari al 43,209% del capitale sociale di Be al prezzo unitario di 3,45 euro per azione.

Una nota della società conferma che “ove, per effetto delle adesioni all’opa obbligatoria, l’acquirente venisse a detenere una partecipazione superiore al 90% del capitale sociale di Be, non verrà ripristinato un flottante sufficiente ad assicurare il regolare andamento delle negoziazioni”.

Opa per il de-listing dall’Euronext Star Milano

Be Shaping the Future, società quotata sul segmento Euronext Star Milano organizzato e gestito da Borsa Italiana, è di proprietà di una compagine di azionisti che annovera: Tamburi Investment Partners, Stefano Achermann e la società da lui controllata Innishboffin, Carlo Achermann e la società da lui controllata Carma Consulting.

WHITEPAPER
Sai come implementare una rivoluzione dell’IT che parte dai processi più profondi?
Digital Transformation
Software

Engineering, che conta oggi circa 12.000 dipendenti e oltre 60 sedi fra Italia e altri 20 Paesi del mondo, è di fatto obbligata a promuovere un’offerta pubblica di acquisto obbligatoria totalitaria sulle residue azioni ordinarie di Be per un corrispettivo pari al prezzo per azione, finalizzata a realizzare il de-listing di Be dall’Euronext Star Milano. Ove, per effetto delle adesioni all’Opa Obbligatoria, l’acquirente venisse a detenere una partecipazione superiore al 90% del capitale sociale di Be non verrà ripristinato un flottante sufficiente ad assicurare il regolare andamento delle negoziazioni. 

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5